"Preso con quasi 100 grammi di cocaina in casa", condannato pizzaiolo

Il gup ha inflitto quattro anni e quattro mesi di reclusione al quarantottenne Mario Lo Zito

Mario Lo Zito

Quattro anni e quattro mesi di reclusione per l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga. La pena inflitta dal gup Luisa Turco è leggermente ridotta di due mesi rispetto alle richieste del pubblico ministero Cecilia Baravelli nei confronti di Mario Lo Zito, 46 anni, arrestato dalla squadra mobile il 23 novembre scorso dopo che gli sono stati trovati, nella cantina della sua abitazione, 93 grammi di cocaina, divisa in sette dosi e nascosta in una mensola.

La pena inflitta è ridotta di un terzo perché l’uomo, che lavora come pizzaiolo in alcuni locali, ha chiesto di essere giudicato con il rito abbreviato. Lo Zito, in occasione dell’interrogatorio di convalida dell’arresto, ha ammesso le sue responsabilità, “pur con qualche reticenza - sottolineò il giudice nel provvedimento - sui canali di rifornimento della droga”, e confermato di spacciare “al viale della Vittoria e al piazzale Aster”.

Il processo, dopo la decisione del difensore, l’avvocato Daniele Re, di evitare un dibattimento e procedere “allo stato degli atti”, quindi, con il rito abbreviato, si è concluso in un paio di udienze. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • Torna a casa e trova un ladro che sta rubando in camera da letto: arrestato un 42enne

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Mancata convalida dell'arresto di Carola Rackete, la Cassazione respinge il ricorso della Procura

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento