Premio "Empedocle", riconoscimento per il prefetto agrigentino Filippo Dispenza

È responsabile della direzione per gli Affari generali della polizia di Stato del Dipartimento della pubblica sicurezza 

Filippo Dispenza

Il Premio "Empedocle" per le scienze umane sarà conferito al prefetto Filippo Dispenza, agrigentino, direttore centrale della direzione per gli Affari generali della polizia di Stato del Dipartimento della pubblica sicurezza. 

Il prefetto Dispenza, prima di assumere l'attuale incarico, è stato consigliere ministeriale presso la Direzione centrale della polizia criminale ed anche membro, per l’Europa, del Comitato esecutivo dell’Oipc Interpol. In questo contesto, è stato il "chairman" ed il promotore del progetto “Interpol Expert Working Group on the Identification, Location and Seizure of Assets”, approvato all’unanimità all’Assemblea generale Interpol di Kigali (Rwanda) nel novembre 2015.

Il progetto è ritenuto fondamentale per combattere efficacemente il crimine organizzato transnazionale (che va assolutamente depauperato degli immensi proventi di tutte le attività criminali quali il narcotraffico, il traffico di armi, la tratta degli esseri umani, la corruzione), contrastare la corruzione ed il riciclaggio e prevenire il finanziamento del terrorismo internazionale. In precedenza, Dispenza, ha svolto le funzioni di questore della provincia di Cagliari e di questore della provincia di Alessandria. In un recente passato, è stato, inoltre, direttore del Servizio relazioni internazionali del Dipartimento della pubblica sicurezza.

È stato, tra l'altro, capo delegazione in numerose missioni all’estero (in Cina, negli Stati Uniti, in Russia, in Qatar, in Colombia, negli Emirati Arabi Uniti, in Canada, in Brasile ed in tantissimi altri Paesi, per trattative bilaterali in materia di sicurezza) e direttore del servizio immigrazione del Dipartimento della pubblica sicurezza. Nel corso del suo mandato ha realizzato numerosi progetti per il contrasto alla tratta degli esseri umani e dell’immigrazione illegale, in sinergia con la Commissione Europea e Paesi dell’Africa quali la Libia, l’Egitto, l’Algeria, la Nigeria e il Ghana.

Nel corso della sua carriera, il prefetto Dispenza, per la sua attività professionale, ha ricevuto numerosi riconoscimenti professionali in Italia e da diversi altri paesi quali la Spagna, gli Stati Uniti, la Francia, la Colombia, il Messico, San Marino. Tra l’altro, nel 2014, nell’ambito della Settimana della Ricerca Universitaria e della notte dei Ricercatori, è stato insignito dall’Unione Europea e dall’Università di Cagliari del Premio Mediatore Mediterraneo 2014. Ha diretto, nel corso delle sue funzioni investigative, importanti indagini a livello nazionale ed internazionale che hanno consentito la cattura di numerosi latitanti di associazioni criminali.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento