Porto Empedocle, spiragli per i precari: verso la proroga dei contratti

Il segretario provinciale della Cgil-Funzione Pubblica, Alfonso Buscemi, ha ricevuto "rassicurazioni" da parte del sindaco Ida Carmina, sulla vertenza che riguarda i 57 lavoratori in scadenza di contratto a fine mese

Il municipio di Porto Empedocle

Spiragli per il futuro del personale precario al Comune di Porto Empedocle. Il segretario provinciale della Cgil-Funzione Pubblica, Alfonso Buscemi, ha ricevuto "rassicurazioni" da parte del sindaco Ida Carmina, sulla vertenza che riguarda i 57 lavoratori in scadenza di contratto a fine mese. Le intenzioni della prima cittadina sono quelle di trovare i fondi utili alla proroga del contratto almeno fino alla fine dell'anno.

“La situazione generale, dal punto di vista finanziario, come è noto, non è positiva – sottolinea Buscemi – il dissesto è li che bussa alla porta del Municipio di Vigata. Ma questi padri e queste madre di famiglia, così come i dipendenti di ruolo costretti a subire altri disagi, non possono pagare per responsabilità politiche e amministrative di chi ha operato all’interno del Comune. Un ragionamento, questo, pienamente condiviso dall’attuale amministrazione che, consapevole anche del proficuo lavoro e del significativo ruolo svolto dai precari all’interno della macchina comunale – sottolinea il sindacalista della Cgil – mi ha assicurato un preciso impegno a reperire i fondi necessari per concedere la proroga dei contratti fino a dicembre. Poi il destino dei precari empedoclini si allineerà con quello dell’intero bacino siciliano.  Ma quella sarà un’altra storia, un’altra battaglia che noi, come organizzazione sindacale,- conclude Buscemi -  abbiamo già avviato nelle sede competenti in modo da non farci trovare impreparati”.

Intanto, al Comune incalza il rischio di dissesto finanziario. Poche settimane fa si è tenuto un "tavolo di raffreddamento" richiesto dalle organizzazioni sindacali. L'incontro ha riguardato il mancato pagamento delle mensilità di luglio e agosto, ai dipendenti del Comune. Alla giornata, hanno preso parte, i funzionari della Prefettura, del sindaco e delle rappresentanze sindacali unitarie. Le casse comunali versano in una situazione disastrosa, con una disponibilità di soli 40 mila euro, l'impegno dell'amministrazione è quello di destinare il 60 per cento delle somme che l’ente incasserà al pagamento degli stipendi. Ma la strada è tutta in salita.

LEGGI ANCHE:

PORTO EMPEDOCLE, DISSESTO DIETRO L'ANGOLO: DIPENDENTI SENZA STIPENDIO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • "Sporcaccione, non si buttano qui i rifiuti": scoppia la lite fra due uomini e accorre la polizia

  • Forti raffiche di vento e temporali, la Protezione civile dirama allerta "gialla"

  • Trova portafogli e lo porta in Questura, 70enne non sapeva d'averlo perso: rintracciato

  • Il riscatto e la rinascita, Andrea Mendola: "Non vedevo futuro adesso tutto è cambiato"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento