Porto Empedocle, spiragli per i precari: verso la proroga dei contratti

Il segretario provinciale della Cgil-Funzione Pubblica, Alfonso Buscemi, ha ricevuto "rassicurazioni" da parte del sindaco Ida Carmina, sulla vertenza che riguarda i 57 lavoratori in scadenza di contratto a fine mese

Il municipio di Porto Empedocle

Spiragli per il futuro del personale precario al Comune di Porto Empedocle. Il segretario provinciale della Cgil-Funzione Pubblica, Alfonso Buscemi, ha ricevuto "rassicurazioni" da parte del sindaco Ida Carmina, sulla vertenza che riguarda i 57 lavoratori in scadenza di contratto a fine mese. Le intenzioni della prima cittadina sono quelle di trovare i fondi utili alla proroga del contratto almeno fino alla fine dell'anno.

“La situazione generale, dal punto di vista finanziario, come è noto, non è positiva – sottolinea Buscemi – il dissesto è li che bussa alla porta del Municipio di Vigata. Ma questi padri e queste madre di famiglia, così come i dipendenti di ruolo costretti a subire altri disagi, non possono pagare per responsabilità politiche e amministrative di chi ha operato all’interno del Comune. Un ragionamento, questo, pienamente condiviso dall’attuale amministrazione che, consapevole anche del proficuo lavoro e del significativo ruolo svolto dai precari all’interno della macchina comunale – sottolinea il sindacalista della Cgil – mi ha assicurato un preciso impegno a reperire i fondi necessari per concedere la proroga dei contratti fino a dicembre. Poi il destino dei precari empedoclini si allineerà con quello dell’intero bacino siciliano.  Ma quella sarà un’altra storia, un’altra battaglia che noi, come organizzazione sindacale,- conclude Buscemi -  abbiamo già avviato nelle sede competenti in modo da non farci trovare impreparati”.

Intanto, al Comune incalza il rischio di dissesto finanziario. Poche settimane fa si è tenuto un "tavolo di raffreddamento" richiesto dalle organizzazioni sindacali. L'incontro ha riguardato il mancato pagamento delle mensilità di luglio e agosto, ai dipendenti del Comune. Alla giornata, hanno preso parte, i funzionari della Prefettura, del sindaco e delle rappresentanze sindacali unitarie. Le casse comunali versano in una situazione disastrosa, con una disponibilità di soli 40 mila euro, l'impegno dell'amministrazione è quello di destinare il 60 per cento delle somme che l’ente incasserà al pagamento degli stipendi. Ma la strada è tutta in salita.

LEGGI ANCHE:

PORTO EMPEDOCLE, DISSESTO DIETRO L'ANGOLO: DIPENDENTI SENZA STIPENDIO

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

  • Gruppetto di tunisini sbarca a San Leone: i migranti scappano a gambe levate

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento