Poste "lumaca" da Palermo ad Agrigento: quasi due mesi per 130 chilometri

È il caso di una busta contenente una partecipazione di nozze, spedita con posta ordinaria dal capoluogo il 5 ottobre ed arrivata a Racalmuto il 22 novembre

Foto d'archivio

Poste "lumaca" da Palermo ad Agrigento. Se per fare 130 chilometri in auto, tra interruzioni e semafori, ci si impiega non meno di due ore e mezza, non va meglio se a "viaggiare" sono le lettere. Se poi queste contengono anche l'invito ad un lieto evento, la beffa è servita.

È il caso di una busta contenente una partecipazione di nozze, spedita con posta ordinaria da Palermo il 5 ottobre ed arrivata a Racalmuto il 22 novembre. Peccato che il matrimonio si è celebrato il 21 ottobre. Quasi due mesi di tempo per comunicare tra due città che in linea d'aria sono ad un tiro di schioppo, ma lontane anni luce a causa dei collegamenti stradali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiaramente il destinatario era stato già avvisato con altri mezzi, ma se le comunicazioni dipendessero soltanto dalle poste, saremmo ancora fermi ai tempi del calesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

  • S'è aperto il "fronte" tunisino: aumentano gli sbarchi e ci sono tanti "indesiderati"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento