"Maltratta e abusa sessualmente della moglie", chiesta condanna a 3 anni

L'uomo avrebbe ripetutamente insultato e picchiato la donna, per il pubblico ministero "la versione della vittima è attendibile"

Tre anni di reclusione per le accuse di violenza sessuale e maltrattamenti: sono stati proposti, al termine della requisitoria, dal pubblico ministero Antonella Pandolfi nei confronti di un quarantenne di Porto Empedocle finito a processo sulla base delle denunce della moglie. L’imputazione iniziale era di stalking, il pm ha poi modificato il capo di imputazione. “Ha sottoposto la donna a continue vessazioni. Per quasi un anno ha dovuto subire insulti e minacce che coinvolgevano anche i familiari che erano dettati sempre dalla sua morbosa gelosia”.

Il magistrato della Procura, durante la requisitoria, ha definito “del tutto attendibile la versione della donna che è diametralmente opposta a quella del marito che nega tutto e ci racconta pure - ha aggiunto il pm - di essere stato una vittima dell’ex. Non si capisce quale sarebbe il motivo per cui la donna avrebbe dovuto calunniarlo inventandosi tutto”. Uno degli episodi più gravi, che ha fatto approdare il processo davanti al tribunale collegiale, è un approccio sessuale violento che l’imputato avrebbe avuto nei confronti della moglie.

“Ha cercato di spogliarla con violenza per avere un rapporto sessuale contro la sua volontà”. I fatti al centro del processo risalgono al 2014. L’inchiesta scaturisce dalle denunce della donna. Alla richiesta di condanna si è associata l’avvocato di parte civile Rosa Salvago che ha sollecitato pure il risarcimento del danno. Il difensore dell’imputato, l’avvocato Raimondo Tripodo, invece, ha sottolineato “l’assoluta contraddittorietà del racconto della vittima tanto che i servizi sociali, che in una circostanza sono stati attivati dai carabinieri per occuparsi della vicenda, hanno archiviato il caso con delle relazioni positive”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento