L'agguato al porto empedoclino, ventiseienne davanti al gup

James Burgio, fermato dopo un duplice tentato omicidio ai danni di un pescatore e del cugino, finisce a processo con rito immediato

James Burgio dopo l'arresto

Subito un rinvio perchè le due presunte vittime del tentato omicidio non hanno ricevuto la notifica del procedimento che li avvisa della possibilità di costituirsi parte civile. Slitta l'inizio del processo a carico del ventiseienne di Porto Empedocle, James Burgio, fermato dalla squadra mobile il 23 luglio, due giorni dopo la sparatoria al porto empedoclino ai danni di un pescatore e del cugino con i quali aveva avuto una banale discussione.

L'agguato al porto, giudizio immediato per 26enne

La difesa, affidata agli avvocati Alfonso Neri e Salvatore Pennica, dopo che il gip Francesco Provenzano, accogliendo la richiesta del pubblico ministero Elenia Manno, ha disposto il giudizio immediato, hanno scelto la strategia processuale del rito abbreviato.

Questa mattina era fissata la prima udienza davanti al gup Alessandra Vella ma la mancata notifica alle due vittime ha costretto a un rinvio. Si torna in aula il 9 gennaio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto in casa e con strani segni sul corpo, è mistero sulla morte di un 69enne: Procura dispone autopsia

  • Furti di luce e acqua, scatta il blitz in due palazzine: 24 arresti in un colpo solo

  • Scoppia la lite fra due teenager: una ferita, l'altra denunciata

  • "Favori e assunzioni in cambio di informazioni riservate": indagati tre marescialli e due imprenditori

  • Incidente sulla statale 123, uomo perde controllo dell'auto: estratto dalle lamiere

  • "Sparano sulla slot machine e rapinano il bar": arrestato un 33enne

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento