Omicidio Adorno, la Cassazione conferma: 13 anni per De Rubeis

Il giovane operaio scomparve a fine agosto del 2009 e venne poi ritrovato, carbonizzato, nelle campagne di Montaperto. Sarebbe stato ucciso per attriti personali

L'empedoclino Giuseppe De Rubeis

La Cassazione ha confermato la condanna a 13 anni di reclusione. Sentenza emessa dal Gup del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, e confermata dalla Corte d'Assise d'appello di Palermo a carico dell'empedoclino trentatreenne Giuseppe De Rubeis accusato dell'omicidio del compaesano Giuseppe Adorno. Lo scrive oggi il quotidiano La Sicilia. E' stato, dunque, rigettato il ricorso della difesa di De Rubeis - degli avvocati Antonino e Vincenza Gaziano - .

Adorno è scomparso a fine agosto del 2009 ed è stato poi ritrovato, carbonizzato, nelle campagne di Montaperto.  Adorno sarebbe stato ucciso per attriti personali. In primo grado - processo celebrato con il rito abbreviato - la Procura di Agrigento aveva chiesto l'ergastolo. 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento