Slot machine accese oltre l'orario, maxi sanzione per un bar

Né il titolare della licenza di polizia, né un suo incaricato erano presenti all’interno dell’esercizio commerciale

Avrebbero consentito di stare davanti alle slot machine oltre all’orario prestabilito. Il titolare della licenza di polizia, inoltre, non era all’interno del bar. Due sanzioni amministrative – da 1.034 euro ciascuna – sono state elevate, dai poliziotti del commissariato “Frontiera” di Porto Empedocle, al titolare di un bar della città. Gli agenti, coordinati dal vice questore Cesare Castelli, nelle ultime ore hanno effettuato una raffica di controlli a tutti, o quasi, gli esercizi commerciali del centro e della periferia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In un caso, i poliziotti hanno accertato che i clienti continuavano a giocare con le slot machine nonostante fosse trascorsa la mezzanotte, che è l’orario di termine ultimo, e che il titolare della licenza di polizia, né un suo incaricato, non era presente all’interno dell’esercizio commerciale. Appurate le violazioni, i poliziotti del “Frontiera” hanno elevato due sanzioni amministrative per complessivi 2.068 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Ritrovata al Villaggio Mosè la 15enne scomparsa da Palermo a metà giugno

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento