Netturbini fermi da 7 giorni, il sindaco: "Un avvocato tutelerà la città"

Ida Carmina: "Il legale verificherà i rimedi adottabili sia in chiave risolutiva che come revisione, riduzione e razionalizzazione di un contratto che non ci sta più bene"

Sarebbe stata trovata una ditta per ripulire Porto Empedocle ed è stato affidato l'incarico ad un legale per tutelare la città. Ad annunciarlo, provando a fare in modo che si possa affrontare e risolvere - magari una volta per tutte - l'emergenza rifiuti, è stato il sindaco Ida Carmina. 

Porto Empedocle è ormai una discarica a cielo aperto: continua lo sciopero dei netturbini 

"Il prefetto di Agrigento, Dario Caputo, sentirà gli operatori ecologici per capire se rientrano a lavorare. Entro domani, pensiamo che si possano porre in essere le attività per ripulire il paese – ha detto il sindaco Ida Carmina - . E abbiamo affidato l’incarico ad un avvocato affinché esprima un parere sul contratto per la raccolta dei rifiuti, stipulato con la Realmarina, e verifichi i rimedi adottabili per tutelare il Comune di Porto Empedocle, sia in chiave risolutiva che come revisione, riduzione e razionalizzazione di un contratto che non ci sta più bene. Il tutto affinché vengano eliminati  gli sprechi e si arrivi a commisurare il costo del contratto a livelli di sostenibilità economica-finanziaria del Comune. Inoltre, - ha ribadito il sindaco di Porto Empedocle – abbiamo messo in campo altre azioni per ripulire la città dei rifiuti nel più breve tempo possibile”.

Vertenza netturbini, i sindacati proclamano altri due giorni di sciopero 

Nelle prossime ore quindi qualcosa, a Porto Empedocle, dovrebbe cambiare. “Il contratto con la Realmarina è stato fatto prima che io diventassi sindaco. E gli uffici avevano avvisato dell’insostenibilità del costo del servizio. A questo si aggiunge la grave difficoltà dell’ufficio Tributi a riscuotere le tasse perché gli empedoclini non percepiscono che il servizio fatto per loro deve essere pagato. Il netturbino effettua, quotidianamente, il ritiro dei rifiuti. Rifiuti hanno un costo oneroso perché difetta il piano di conferimento della Regione, paghiamo 150 euro a tonnellata l’umido che viene portato a Catania. A Porto Empedocle – torna a sottolineare il sindaco - solo 40 persone su 100 hanno avuto la coscienza civile di pagare la tassa. Alcuni sono giustificati perché non hanno i soldi, altri invece no".

Netturbini senza soldi ed esasperati, prosegue la protesta: è delirio ambientale

Si va verso, laddove possibile, una risoluzione del contratto con la Realmarina? "Si sono rifiutati di realizzare il centro comunale di raccolta. E' accaduto il 26 ottobre del 2018 e da quella data in poi abbiamo avuto interlocuzioni con diversi legali - ha spiegato, ancora, il sindaco - . Perché Porto Empedocle deve essere tutelata e abbiamo trovato un avvocato di grosso rilievo". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento