Vendeva collane al mercatino settimanale, scatta il sequestro e la multa

Il commerciante ambulante, controllato dai militari della Guardia di finanza, è risultato essere anche un esercente abusivo

Vendeva collane: bigiotteria che sembrava quasi quella d'alta qualità. A sequestrare le 40 collane, che aveva collocato su un improvvisato banchetto al mercatino settimanale di Porto Empedocle, sono stati i militari della tenenza cittadina della Guardia di finanza. Ad incappare nel controllo - che ha fatto scattare il sequestro amministrativo - è stato un commerciante ambulante abusivo residente ad Agrigento. 

Oltre al sequestro della chincaglieria, negli ultimi giorni i militari delle Fiamme gialle hanno intimato al commerciante ambulante abusivo di pagare all'Erario, entro 60 giorni, una multa di 310 euro. 

I controlli contro l'abusivismo commerciale e la vendita di prodotti con marchi contraffatti viene portata avanti anche dai militari delle Fiamme gialle che, sistematicamente, controllano anche i mercatini rionali dell'Agrigentino.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo tampone positivo, Agrigento dopo oltre 2 mesi non è più Covid free

  • Scoppia l'incendio a Giokolandia: le fiamme altissime distruggono le attrezzature del parco giochi

  • "No" assembramenti: stop a feste e sale da ballo, ipermercati chiusi le domeniche pomeriggio

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Lascia i migranti davanti la spiaggia e riprende il largo: bloccato "taxi del mare" e arrestato scafista

  • "Minacce di morte e calci nella pancia alla fidanzata incinta", la donna lo perdona e ritira la querela

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento