La vecchia casa dei nonni di Andrea Camilleri verrà rasa al suolo

La relazione tecnica: "Dal punto di vista strutturale, la costruzione non da nessuna garanzia per il suo mantenimento, per cui l'unica soluzione per garantire la pubblica e privata incolumità è di procedere alla demolizione"

Lo scrittore Andrea Camilleri

Niente puntelli, niente reti. Casa Fragapane, la residenza dei nonni dello scrittore Andrea Camilleri, diventata sede dell'omonima fondazione, verrà rasa al suolo. Nelle scorse settimane, dopo una violenta ondata di maltempo, era in parte crollata. Il Comune di Porto Empedocle aveva intimato la messa in sicurezza dell'immobile. La figlia dello scrittore, Andreina, ha individuato l'ingegnere Pasquale Patti quale direttore dei lavori per la messa in sicurezza. E con relazione tecnica dell'ingegnere Patti - secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia - casa Fragapane va demolita. 

Maltempo, crolla la vecchia casa dei nonni di Andrea Camilleri

"Dal punto di vista strutturale, la costruzione non da nessuna garanzia per il suo mantenimento, per cui l'unica soluzione per garantire la pubblica e privata incolumità - riporta, sempre il quotidiano La Sicilia, la relazione tecnica - è di procedere alla demolizione". A giorni dovrebbero dunque iniziare, quasi in simultanea, sia i lavori di demolizione della casa Fragapane-Camilleri che quelli per realizzare un percorso alternativo. 

Dal Comune: "La famiglia metta in sicurezza l'area" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento