Tunisini "fantasma" cercano di tagliare la corda: bloccati a Porto Empedocle

I tre sono risultati non essere mai stati censiti: non erano infatti ospiti dell'hotspot di Lampedusa. Sembra verosimile che possano essere arrivati, nella notte fra il 30 aprile e il primo maggio, quando sulla spiaggia della Guitgia ci fu uno sbarco, siano rimasti nascosti fino all'imbarco sul traghetto

L'arrivo del traghetto a Porto Empedocle (foto ARCHIVIO)

Credevano, anzi forse ne erano sicurissimi, di riuscire a tagliare la corda. Erano già arrivati a Porto Empedocle e da quel momento in poi sarebbe stato anche più semplice nascondersi e a far perdere le proprie tracce per arrivare magari chissà da quale altra parte dello Stato o per spingersi verso Paesi esteri. Avevano però fatto male i loro conti. Perché non appena messo piede al porto di Porto Empedocle sono stati intercettati e bloccati dai carabinieri. Tre tunisini, non in regola con il permesso di soggiorno, sono stati portati in caserma per l'identificazione e s'attende adesso l'indicazione, da parte della Prefettura di Agrigento, della struttura d'accoglienza temporanea dove dovranno essere sistemati. Se si accerterà, appunto, che sono tunisini i tre uomini verranno rimpatriati.

Secondo sbarco "fantasma" in 24 ore: bloccati altri 20 immigrati 

I tre erano riusciti - e non è cosa da poco - ad imbarcarsi sul traghetto di linea che collega Lampedusa con Porto Empedocle. Come abbiano fatto è, al momento, ancora un mistero. In passato però già altri immigrati avevano provato a farlo, nascondendosi magari sul camion dei rifiuti o su quello che trasporta bombole del gas vacanti. I tre non sono stati intercettati al momento dell'imbarco e dunque hanno viaggiato sul traghetto verosimilmente cercando di non dare nell'occhio. Alla vista delle luci di Porto Empedocle, credevano naturalmente d'avercela fatta.

I tre sono risultati non essere mai stati censiti, non erano infatti ospiti dell'hotspot di Lampedusa. Sembra verosimile che possano essere arrivati, nella notte fra il 30 aprile e il primo maggio, quando sulla spiaggia della Guitgia ci fu uno sbarco "fantasma". Allora, i carabinieri riuscirono - poco dopo l'approdo - a bloccare 20 immigrati. Non è escluso - ma non ci sono conferme ufficiali - che i tre tunisini possano essere riusciti, in quell'occasione, a farla franca: a non farsi intercettare e a restare nascosti fino all'imbarco sul traghetto di linea per Porto Empedocle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri della stazione di Porto Empedocle, al porto, erano presenti perché comunque era arrivata loro la segnalazione di stranieri sospetti sul traghetto. Ecco, dunque, che non appena i tre hanno messo piede sulla terraferma sono stati bloccati, identificati e non risultando essere in regola con il permesso di soggiorno, sono stati condotti in caserma. Adesso verrà seguito l'iter del trasferimento in una struttura d'accoglienza temporanea e poi - se appurata la loro origine tunisina - verranno rimpatriati.      

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • "La cultura riparte", riapre la Valle dei Templi: ingresso gratis per tutti

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento