"Deteneva il doppio della polvere da sparo autorizzata", denunciato titolare armeria

Gli è stata inoltre contestata l'omessa diligenza nella custodia di alcune armi da fuoco

Il materiale sequestrato

Deteneva nel suo negozio più del doppio della polvere da sparo effettivamente autorizzata. Per questo il titolare di un'armeria licatese è stato denunciato dagli uomini del Commissariato di Polizia della città dell'aquila.

I fatti risalgono alla giornata di ieri, quando gli agenti, insieme al personale della Guardia di Finanza si sono recati presso l'attività commerciale nel contesto di attività di controllo finalizzate alla prevenzione e repressione di reati in materia di detenzione di fuochi d’artificio e materiale esplodente.

Le verifiche hanno permesso di accertare che il titolare della struttura, benché autorizzato a detenere al massimo 20 chili di polvere da sparo, ne conservasse 47 chili. La merce è stata posta sotto sequestro. Le forze dell'ordine hanno inoltre contestato una "irregolare tenuta del prescritto registro di carico e scarico e la custodia di alcune armi da sparo senza la dovuta diligenza". Per questi motivi il titolare dell’armeria sottoposto a controllo sarà deferito all'autorità giudiziaria per una serie di reati.

Potrebbe interessarti

  • L'arnica, un rimedio naturale a dolori e infiammazioni

  • Il paddle, lo sport dei vip che è ormai diventato mania

  • Specchio, specchio delle mie brame

  • Il party perfetto di Ferragosto

I più letti della settimana

  • Scooterone finisce dentro un canale di scolo: muore trentenne a causa di un incidente

  • Mafia e massoneria deviata, scatta un altro arresto e un obbligo di presentazione alla Pg

  • Si sente male mentre fa il bagno, tragedia in spiaggia: muore un pensionato

  • Ritrovato nascosto in un casolare il trattore rubato: scattano tre arresti

  • Auto investe un ciclomotore e scappa: due 17enni feriti, denunciato automobilista "pirata"

  • Incidente tra auto e scooter, ferito grave il motociclista: trasferito in elisoccorso

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento