"No alla mentalità mafiosa e stop a droghe e alcol": la polizia incontra gli studenti

In prima linea, gli agenti della Squadra Mobile, dell’ufficio Prevenzione generale e soccorso pubblico, della Stradale e dell’ufficio sanitario provinciale

Un momento dell'incontro al liceo scientifico

La necessità di contrastare le mentalità mafiose e rafforzare la cultura della legalità. Ma anche la prevenzione all’uso e all’abuso di sostanze alcoliche e stupefacenti, il contrasto al bullismo e al cyber bullismo e il rispetto del codice della strada per prevenire incidenti stradali. I poliziotti della Questura di Agrigento, oggi, hanno incontrato gli studenti del liceo scientifico "Leonardo". Esattamente per come era stato annunciato dal questore di Agrigento Rosa Maria Iraci e dal vicario Giuseppe Peritore, d'intesa con l'autorità scolastica provinciale, è stato dato avvio ad una serie di iniziative in cui i funzionari della Questura illustrano agli studenti tematiche di particolare interesse ed attualità.

L’incontro, cui hanno partecipato numerosi studenti, è stato tenuto da un team di funzionari e personale della Squadra Mobile, dell’ufficio Prevenzione generale e soccorso pubblico, dell’ufficio sanitario provinciale e della sezione polizia Stradale. Sono in calendario, nei prossimi giorni, ulteriori incontri in altre scuole del capoluogo e dei Comuni che sono sede di commissariato di polizia. Durante i vari faccia a faccia, i poliziotti forniranno agli studenti altre tematiche sul principio di legalità, nell’ambito dell’applicazione del principio di prossimità e vicinanza alla società civile ed al mondo scolastico. L’iniziativa si inserisce nell’ambito di un progetto, già proposto con successo negli anni passati, per realizzare momenti di interlocuzione e riflessione con dirigenti scolastici, docenti e genitori, e condividere valutazioni, osservazioni e proposte per raggiungere gli obiettivi educativi della campagna. Funzionari e personale della polizia di Stato continueranno a recarsi negli singoli istituti scolastici per illustrare ai giovani, i pericoli del web, le fenomenologie del bullismo, del femminicidio e della violenza di genere, le conseguenze devastanti per la salute derivanti dall’uso della droga e dalla guida senza il rispetto delle regole, nonchè gli strumenti normativi per prevenire e reprimere questi fenomeni. La Questura, intraprendendo questo progetto, intende affiancare l’istituzione scolastica nella “cura educativa” dei giovani che la scuola è chiamata a dare con il massimo impegno, profondendo il più elevato sforzo per consentire una crescita sana e responsabile degli studenti, nella consapevolezza che la stretta sinergia tra le due istituzioni rappresenta un momento fondamentale per la crescita dei giovani in una fase particolarmente delicata come quella adolescenziale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "giallo" di Canicattì: sentiti familiari e amici del 28enne morto, ritrovato il furgone

  • Scompare un pastore, scattano perlustrazioni e ricerche: ritrovato morto il 61enne

  • Traffico di cocaina dalla Calabria all'Agrigentino: tredici condanne

  • "Aggredita e derubata da tre minori", 50enne lotta tra la vita e la morte

  • L'asfalto cede ed il camion sprofonda, paura al Villaggio Mosè: intervengono i vigili del fuoco

  • Non c'è pace per i contribuenti morosi: in arrivo altri 24 mila avvisi di pagamento

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento