Pizzaioli in cattedra all'alberghiero di Bivona, Catalano: "Ecco i segreti del mestiere"

L’obiettivo è formare i professionisti del settore nella preparazione della pizza con il marchio di qualità “Pqs”

Bivona, all’Istituto d’istruzione secondaria “Luigi Pirandello” indirizzo “Enogastronomia e ospitalità alberghiera”, durante la nuova giornata di formazione per la valorizzazione dei prodotti del territorio promossa dalla Cifa Unione Pizzaioli Italiani.

Sono intervenuti Stefano Catalano, presidente Cifa Unione Pizzaioli Italiani; Lillo Maragliano storico del comitato tecnico Upi; il pizzaiolo Andrea Giannone di Cianciana; i pizzaioli acrobatici Giuseppe Cuffaro di Favara e Antonio Lupo di Agrigento. La giornata di formazione, suddivisa tra teoria e pratica, si è conclusa con la degustazione di pizza, pane e prodotti del territorio Sicano; hanno collaborato i professori: Michele Barbera, Francesco Gallo, Salvatore Argento, Calogero Monterosso. Nell’occasione è stato assegnato il primo bollino “Pizza Qualità Siciliana” alla pizza Sicana.

 “La pizza – ha spiegato Stefano Catalano, presidente della Cifa Unione Pizzaioli Italiani - è uno dei più antichi alimenti, nasce col pane e ne segue la storia. Il significato di Pizza qualità Siciliana è preparare la pizza con i prodotti che caratterizzano  il territorio siciliano: un piano che porta benefici alla microeconomia bloccando lo spopolamento delle campagne, all’ambiente visto che i nostri grani autoctoni non hanno bisogno di trattamenti fitosanitari, alla salute dei consumatori perché è previsto l’utilizzo di materie prime e prodotti principalmente naturali. Insomma, utilizzare la pizza come alimento per promuovere i prodotti locali a filiera corta: come le farine, il pomodoro  a Siracusa, per esempio, quello di Pachino, nell’Agrigentino il pomodoro siccagno, gli aromi nostrani, l’olio extravergine d’oliva, i formaggi, le mozzarelle e le tume locali. Importante che la pizza a marchio qualità siciliana, o meglio la pizza del territorio, si caratterizza  con un ingrediente del proprio territorio siciliano di appartenenza. Abbiamo già organizzato i primi due corsi di formazione per la preparazione della Pizza qualità Siciliana e altri ne organizzeremo a breve”.

L’obiettivo è formare i professionisti del settore nella preparazione della pizza con il marchio di qualità “Pqs”, il disciplinare  prevede sostanzialmente l’utilizzo di farine da grani siciliani e prodotti del territorio come formaggi, salsa di pomodoro, olio extra vergine di oliva, ortaggi, salumi, una corretta lievitazione sulla base di parametri ben definiti. Il corso è stato incentrato sull’utilizzo delle farine di grani locali nella preparazione delle pizze e focacce di qualità siciliana a tutela dei consumatori e dell’ambiente.

“La formazione professionale –  ha detto l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Roberto Lagalla - è certamente importante in tutti i settori e in particolar modo nel settore alimentare. Già nel dicembre 2017 abbiamo approvato il profilo professionale di pizzaiolo definendo la professione in modo più chiaro e dettagliato evitando così di lasciare spazio all’improvvisazione in questo settore particolarmente delicato. Stiamo continuando a confrontarci con le associazioni di categoria al fine di migliorare ulteriormente  questa qualificazione professionale e i relativi percorsi formativi”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • Forti piogge, riecco il maltempo: è allerta meteo gialla

  • Mamma di due bambini prova a lanciarsi dal viadotto, salvata in extremis dalla polizia

  • Crolla cornicione di un palazzo: terrore in piazza Cavour, evacuate famiglie e sequestrata l'area

  • Alfa Romeo si schianta contro la rotonda degli Scrittori: un 30enne è in gravi condizioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento