Temporali e forte vento, si temono nuove esondazioni: è allerta "arancione"

I sindaci stanno già cominciando a firmare le relative ordinanze di divieto. L'Agrigentino non si è ancora ripreso dalla passata - devastante - ondata di maltempo

L'allagamento determinato dall'esondazione del fiume Akragas

Ci risiamo. Dopo il passato week end di allerta "rossa", le condizioni del tempo sono di nuovo in netto peggioramento. E per domani, fino a mezzanotte, la Protezione civile regionale ha previsto - per Agrigento e provincia - uno stato d'allerta "arancione". Sono previste, per le prossime 24-30 ore, forti piogge e temporali "in particolare sui settori Occidentali e meridionali dell'isola - scrive la Protezione civile regionale - accompagnati da forti raffiche di vento". 

Si temono, di nuovo, esondazioni lungo i corsi d'acqua e a valle delle dighe. E i sindaci negli ultimi minuti stanno già cominciando a firmare le relative ordinanze per allertare di propri concittadini. L'Agrigentino non si è, infatti, ancora ripreso dalla passata - devastante - ondata di maltempo. 

Il primo a firmare l'ordinanza è stato il sindaco di Ribera Carmelo Pace che consiglia, ai propri concittadini, di "non soggiornare o permanere in locali seminterrati o comunque posti al di sotto del livello stradale, ciò è riferito anche alle automobili; di non allontanarsi, durante le precipitazioni, dalle proprie abitazioni se non per motivi strettamente necessari. Mettete in salvo tutti i beni collocati in locali allagabili e al sicuro le automobile, evitando la sosta nelle zone più a rischio. Evitate - scrive Pace - il transito pedonale e veicolare nei pressi di aree già sottoposte ad allagamenti; evitate e fate attenzione agli attraversamenti dei fiumi e dei valloni. Contattare in caso di pericolo a persone o cose i vigili del fuoco (115 – 0925/21222) o il comando della polizia locale (0925/61001)".

A causa del preallarme anche il sindaco di Agrigento Lillo Firetto ha firmato l'ordinanza che prevede, tra l'altro, l'interdizione delle aree pubbliche potenzialmente a rischio quali giardini pubblici, impianti sportivi all'aperto,aree giochi esterne, cimiteri e sottopassi. L'interdizione e l'uso temporaneo dei locali interrati, seminterrati e bassi sopratutto nelle vie intertessate dalla recente esondazione e ubicate sul lato fiume del viale Emporium e la sospensione di tutte le manifestazioni all'aperto nonchè delle attività commerciali su strada e aree pubbliche anche se precedentemente programmate. 

Richiamo all'attenzione e alla prudenza, evitando luoghi a rischio, anche da parte del sindaco di Sciacca Francesca Valenti. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Traffico di migranti, operazione "Barbanera": due indagati in carcere e uno ai domiciliari

  • Cronaca

    Futuro della statale 640 e della Agrigento - Palermo, i sindaci chiedono incontro a Toninelli

  • Cronaca

    "Accusò consiglieri di volere aprire altri centri di accoglienza", assolto militante M5s

  • Cronaca

    "Case in vendita a 1 euro" boom di richieste per Sambuca di Sicilia

I più letti della settimana

  • Incidente fra tre auto sulla Agrigento-Palermo: un morto e tre feriti

  • Si getta in mare per farla finita, 60enne salvata in extremis dai carabinieri

  • "Notti da Far West", sgominata la gang: 4 arresti e 3 divieti di dimora

  • "Torture sessuali al compagno di cella per estorcergli sigarette", a giudizio

  • Cammarata è sotto choc, il sindaco: "La statale 189 è la strada della morte, l'Anas riveda e renda sicuro questo tracciato"

  • Un cane all'ingresso del pronto soccorso, la protesta: "Si rischiano infezioni"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento