Racalmuto si mobilita, grandi e piccoli alla ricerca del pensionato scomparso

Il piano di ricerche persone scomparse avrà una vera e propria accelerazione rispetto ai giorni passati

foto archivio

Sono riprese - per il quarto giorno consecutivo - le ricerche del pensionato sessantaduenne scomparso, di Giuseppe Alaimo.  

Ben gli 260 ettari, fra periferia, campagna e centro urbano, che fino ad ora sono stati battuti. Di Giuseppe Alaimo non c'è però nessuna traccia. Ieri, durante il terzo giorno di ricerche, un vigile del fuoco di Siracusa s’è fatto male. E’ scivolato in una zona impervia ed è stato portato al pronto soccorso. Non è in gravi condizioni, avrebbe riportato un serio trauma contusivo. La paura, da parte delle squadre di soccorritori in azione, è stata però veramente tanta. 

Oggi, stando al piano di ricerche persone scomparse – concordato dai carabinieri e dalla Prefettura di Agrigento – molte squadre verranno concentrate nel centro storico e urbano del paese. Si verificheranno le case abbandonate del centro storico. Non si esclude, infatti, che il sessantaduenne, magari sorpreso dalla pioggia o colpito da un improvviso malore, possa aver cercato e trovato riparo in una delle abitazioni abbandonate. Ieri, i soccorritori – vigili del fuoco, carabinieri, polizia municipale, Protezione civile e squadre di volontariato – hanno rastrellato oltre ad una parte del centro storico anche alcune contrade periferiche: Fico Fontanelle soprattutto. Sono stati battuti, soltanto nella giornata di ieri, 110 ettari di territorio racalmutese, arrivando così – complessivamente – a 260 ettari. E’ stata setacciata, di fatto, tutta la zona più difficile e impervia: quella composta da terreni scoscesi e dirupi. La zona più impervia dei luoghi dove, stando alle abitudini del sessantaduenne, avrebbe potuto trovarsi. Sembra scontato dunque che, adesso, il piano di ricerche persone scomparse avrà una vera e propria accelerazione rispetto ai giorni passati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

  • La mareggiata fa danni, annientato e distrutto uno dei principali chioschi delle Dune

  • La tempesta tiene in ostaggio la provincia, è allerta "arancione": ecco dove resteranno chiuse le scuole

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento