Notaio si appropriò dei soldi dei clienti, la difesa insiste: "No al secondo processo"

Il legale di Antonino Pusateri: "Le nostre indagini dimostrano che si tratta degli stessi fatti per cui ha già patteggiato"

“Le indagini difensive hanno provato che si tratta degli stessi fatti per i quali ha già patteggiato e, quindi, non può essere nuovamente processato”. L’avvocato Giuseppe Scozzari invoca il principio del cosiddetto “ne bis in idem”, secondo cui non si può essere processati due volte per gli stessi fatti e per accertare la circostanza chiede ai giudici di ordinare all’Agenzia delle Entrate di esibire gli atti.

Il processo è quello scaturito dall’inchiesta "bis" a carico del notaio Antonino Pusateri, 68 anni, accusato di peculato per avere sottratto 81.500 euro che i clienti, andati nel suo studio per registrare una serie di atti, gli avrebbero versato in quanto "responsabile di imposta". Il rinvio a giudizio risale allo scorso 6 dicembre e fu deciso dal giudice dell'udienza preliminare Francesco Provenzano. L’imputato, durante le indagini, si era già difeso sostenendo che si tratta degli stessi fatti per i quali ha già patteggiato due anni di reclusione. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento