Passaporto falso in tasca, tradito dalle impronte digitali: arrestato immigrato

Il libico deve scontare sei mesi di reclusione per ricettazione. L'ordine di carcerazione era stato emesso dalla Procura di Palermo per il reato di ricettazione

Ha esibito un passaporto libico. Tutto sembrava, dunque, essere perfettamente in ordine. I poliziotti però quella faccia l'avevano già vista: era somigliante a quella del destinatario di un ordine di carcerazione, ordine emesso dalla Procura di Palermo per il reato di ricettazione.

L'immigrato è stato dunque portato in commissariato, a Sciacca, per approfondire l'identificazione. Grazie al rilievo delle impronte digitali è emerso che effettivamente si trattava del destinatario del provvedimento restrittivo. Il libico è stato dunque arrestato e portato al carcere di Sciacca dove dovrà scontare una pena di 6 mesi di reclusione per ricettazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento