Agguato mortale per vendicare uno "sgarro", condanne ridotte all'appello bis

Secondo la Corte di assise di appello di Palermo non furono "futili" i motivi dell'agguato a colpi di pistola che il 22 aprile del 2011 costò la vita al palmese Nicolò Amato, 64 anni. Sconto di pena per Nicola e Vincenzo Bonfanti

Nicola e Vincenzo Bonfanti

Secondo la Corte di assise di appello di Palermo non furono “futili” i motivi dell’agguato a colpi di pistola che il 22 aprile del 2011 costò la vita al palmese Nicolò Amato, 64 anni, rimasto ucciso contrariamente al figlio Diego che è sopravvissuto. Al tempo stesso i giudici non hanno voluto concedere le attenuanti della provocazione.

Le condanne, comunque, al processo di appello “bis”, fissato dopo che la Cassazione ha annullato la sentenza proprio per valutare questi due aspetti, sono state ampiamente ridotte. Ventuno anni e sei mesi di reclusione per Vincenzo Bonfanti, 62 anni; ventuno per il figlio Nicola. In precedenza al padre erano stati inflitti 30 anni, al figlio 27.

L'agguato, che sarebbe stato deciso per vendicare alcuni contrasti di natura economica, è scattato il 22 aprile del 2011. Amato, che affittava ai Bonfanti i locali del bar pizzeria “La Fontana”, a Palma, non avrebbe ricevuto i soldi relativi al pagamento di alcune bollette e avrebbe deciso di vendicarsi mettendo i lucchetti alle saracinesche per impedire loro di tornare dentro i locali e riprendere le loro attività. La reazione dei Bonfanti sarebbe stata la peggiore immaginabile: il padre e i due figli avrebbero organizzato l’agguato proprio davanti all’esercizio commerciale dove avevano atteso i rivali per vendicare l’affronto.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Mafia

    "Accordi con i boss per fare crescere le sue imprese", pg chiede conferma di condanna

  • Cronaca

    "Umanità ed impegno nella gestione dell'immigrazione", premio Unesco a Giusi Nicolini

  • Cronaca

    "Preso con 90 grammi di cocaina", condannato a 3 anni e 8 mesi

  • Cronaca

    I migranti raccontano il loro supplizio: "Cosparsi di benzina ed incendiati, ma anche picchiati con i tubi di gomma"

I più letti della settimana

  • Trova la porta socchiusa ed il ladro si intrufola: portati via 35 mila euro

  • Misterioso incendio devasta auto e moto di un avvocato

  • "Esplose tre colpi di pistola per diatribe sentimentali", fermato un 33enne

  • L'incidente sulla statale 115, il 59enne trasferito a Villa Sofia ed operato d'urgenza: è in Rianimazione

  • Pistole sequestrate a Favara, una apparteneva a Nicotra: la vittima del tentato omicidio

  • "Droga e pistola illegale dentro casa", arrestati due giovani

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento