"Sfruttamento della prostituzione": restano ai domiciliari i 3 indagati

Complessivamente sono state 50 le persone iscritte nel registro della Procura

Gli arrestati dalla polizia di Palma di Montechiaro

Restano agli arresti domiciliari i tre indagati per sfruttamento della prostituzione. Lo ha deciso il gip del tribunale di Agrigento Luisa Turco. Ai domiciliari, dopo il blitz dei poliziotti del commissariato di Palma di Montechiaro, erano stati posti: Pardaian Negoita, romeno di 46 anni, domiciliato a Canicattì; Vincenzo Mangiavillano, 62 anni di Palma di Montechiaro (difeso dall'avvocato Giuseppe Vinciguerra) e Ionela Bichinet, 30 anni residente a isola Capo Rizzuto. 

"Procacciavano i clienti e incassavano fino al 50% per ogni prestazione": i retroscena del blitz antiprostituzione

Già presentati i ricorsi al Riesame. Le indagini dei poliziotti del commissariato di Palma di Montechiaro, a quanto pare, non si sono ancora concluse.  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Transenna della Ztl sull'auto comprata 2 giorni prima: 40enne su tutte le furie

  • Incidente sulla statale Agrigento-Raffadali: due feriti in ospedale

  • "Disastro ambientale in via miniera Ciavolotta", imprenditori di mezza provincia l'avevano trasformata in discarica: 44 indagati

  • "Il direttore mi convocava e mi chiedeva se mio marito era sessualmente all'altezza", racconto choc in aula

  • "Testate all'ex fidanzata per farla abortire", ventunenne rinviato a giudizio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento