Abusivismo e demolizioni, aggiudicato l'appalto a Palma di Montechiaro

A fine febbraio, al sindaco Stefano Castellino è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini

E' diventata definitiva l'aggiudicazione della gara d'appalto per le demolizioni degli immobili abusivi di Palma di Montechiaro. Gara che, già a metà dello scorso ottobre, era stata affidata dal Libero consorzio comunale, nella qualità di stazione unica appaltante, alla "Compat Scarl". Impresa che aveva offerto un un ribasso del 36,7565 per cento per un importo netto di 102.739,07 euro, ai quali vanno aggiunti 8.550 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso, per un importo contrattuale di 11.289,07 euro. Seconda in graduatoria si era posizionata, invece, l’impresa Consorzio stabile progettisti.

Demolizioni, aggiudicata la gara d'appalto  

L'aggiudicazione dei lavori di demolizione degli immobili abusivi è avvenuta all'indomani dell'avviso a comparire notificato, dai carabinieri della sezione Pg della Procura, al sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino, in quanto indagato per le ipotesi di reato di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, rifiuto di atti d'ufficio e abuso d'ufficio.

Avviso di conclusione delle indagini per il sindaco

A fine febbraio, a Castellino è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini. Con il passaggio formale dell'aggiudicazione definitiva della gara d'appalto, le demolizioni dovrebbero dunque presto riprendere a Palma. Non è detto che si segua però l'elenco dei 15 immobili fornito dalla Procura e questo perché il protocollo d'intesa era stato revocato. E' possibile dunque che si faccia ricorso a nuovi criteri per scegliere gli stabili da radere al suolo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento