"Non ha proseguito le demolizioni", chiesto il rinvio a giudizio per il sindaco di Palma

L'udienza preliminare, durante la quale verrà discussa la richiesta del Pm, si terrà davanti al Gup del tribunale di Agrigento Francesco Provenzano

Il sindaco di Palma di Montechiaro: Stefano Castellino

La data è stata fissata. Si terrà il 24 maggio, davanti al Gup del tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, l'udienza preliminare durante la quale si discuterà della richiesta di rinvio a giudizio, già formalizzata dal Pm, a carico dell'attuale sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino.

"Non ha proseguito le demolizioni", avviso di conclusione delle indagini 

L'avviso di conclusione delle indagini a carico dell'attuale primo cittadino - indagato, dalla Procura di Agrigento, per le ipotesi di reato di falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, rifiuto di atti d'ufficio e abuso d'ufficio - era stato notificato a fine febbraio.

Demolizioni, indagato il sindaco Stefano Castellino     

Castellino, sindaco dallo scorso giugno, è stato iscritto nel registro degli indagati per non aver proseguito le demolizioni degli immobili abusivi. E non lo ha fatto nonostante i "solleciti" ricevuti. Uno "stop" alle demolizioni arrivato dopo che il commissario straordinario Antonino La Mattina, che aveva preso il posto del dimissionario sindaco Pasquale Amato, aveva previsto 275 mila euro in bilancio proprio per le demolizioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abusivismo e demolizioni, aggiudicato l'appalto 

Lo scorso aprile è divenuta definitiva l'aggiudicazione della gara d'appalto per le demolizioni degli immobili abusivi di Palma di Montechiaro. Gara che, già a metà dello scorso ottobre, era stata affidata dal Libero consorzio comunale, nella qualità di stazione unica appaltante, alla "Compat Scarl". Impresa che aveva offerto un un ribasso del 36,7565 per cento per un importo netto di 102.739,07 euro, ai quali vanno aggiunti 8.550 euro per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso, per un importo contrattuale di 11.289,07 euro. Seconda in graduatoria si era posizionata, invece, l’impresa Consorzio stabile progettisti.

Demolizioni, tracciata la strada delle priorità 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • "Feroce" rissa davanti ad un ufficio postale, la Mobile evita il peggio: tre denunciati

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Grigliata notturna fra amici e assembramenti: 10 sanzioni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento