"Intercettazioni inutilizzabili e imputazioni nulle", la difesa di Castellino all'attacco

I legali del sindaco, accusato di abuso e omissioni per avere imposto lo stop alle demolizioni degli immobili abusivi, sollevano una raffica di eccezioni

Il sindaco Stefano Castellino

Visionare i decreti che autorizzavano le intercettazioni, annullare i capi di imputazione “perché estremamente generici” e dichiarare inutilizzabili le stesse intercettazioni “perché disposte nell’ambito di un altro procedimento”. La difesa del sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino, accusato di abuso di ufficio, omissione di atti di ufficio e falso per avere dato l’alt alle demolizioni degli immobili abusivi, dopo l’unificazione dei due procedimenti, contrattacca. Gli avvocati Santo Lucia e Vincenzo Alesci, questa mattina, hanno sollevato una serie di eccezioni preliminari. Il giudice Francesco Provenzano deciderà su tutto il 30 novembre. Innanzitutto i legali hanno chiesto di visionare i decreti autorizzativi delle intercettazioni.

L'inchiesta sullo stop alle demolizioni, la stanza e il telefono del sindaco erano sotto controllo

”Non c’è alcuna traccia nel fascicolo, ma la loro presenza è decisiva perché, se fossero stati disposti da lei – hanno detto rivolgendosi al giudice – il processo dovrebbe celebrarsi davanti a un altro gup”. E poi, ancora, è stato chiesto di non utilizzare le stesse intercettazioni ambientali e telefoniche per una questione molto tecnica. “In sostanza - hanno spiegato Lucia e Alesci - sono state disposte nell’ambito di un procedimento diverso e il codice prevede che, in questi casi, si possano usare solo quando si procede per reati per cui è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza. Non è il caso dell’abuso e dell’omissione di atti di ufficio”. 

Abusivismo e demolizioni, aggiudicato l'appalto a Palma di Montechiaro 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento