"Aggredisce genero con il seghetto", nuova denuncia dopo la condanna per tentato omicidio

Vittima un quarantenne che in passato fu bersaglio di un agguato a colpi di arma da fuoco, il suocero e il cognato gli avevano sparato perché non lo accettavano in famiglia

Un uomo di 64 anni di Palma è stato denunciato con l'accusa di lesioni personali per avere aggredito il genero con un seghetto. La vittima, un quarantenne che in passato fu bersaglio di un agguato a colpi di pistola, per il quale lo stesso suocero e il figlio sono stati condannati, ha riportato gravi ferite a entrambe le mani, suturate con numerosi punti e giudicate guaribili in venti giorni.

L'uomo, secondo la ricostruzione dell'episodio fatta dai poliziotti del commissariato di Palma e della squadra mobile, era a bordo della sua auto quando avrebbe incontrato il suocero, anch'egli alla guida della sua auto, con cui i rapporti erano da tempo burrascosi perchè, pare, non avesse accettato il matrimonio con la figlia tanto da sparargli addosso, negli anni scorsi, e per questo fu condannato insieme al figlio a 6 anni e 8 mesi di carcere per tentato omicidio. 

Il sessantenne avrebbe costretto il genero a fermarsi e sarebbe sceso con un seghetto in mano per aggredirlo, ferendolo alle mani prima di fuggire. Il genero ha chiamato l'ambulanza e ha sporto denuncia.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento