Teresa e Trifone, il sospetto che gela il sangue: «Uno scambio di persona»

"Quella sera qualcuno ha visto e io ora sono qui a supplicarlo: per favore, parli. Siamo stati più volte a Pordenone, nel piazzale del delitto e a quell'ora è impossibile che fosse deserto...", dice la mamma

E' ancora mistero fitto sull'omicidio di Teresa Costanza, originaria di Favara, e Trifone Ragone, brutalmente uccisi lo scorso 17 marzo a Pordenone. Sono passati quattro mesi, e le indagini non hanno ancora portato alla scoperta del colpevole. L'unico dato certo è che il killer ha agito con una freddezza glaciale, impugnando una semiautomatica 7,65 e sparando sei colpi contro il carrista del 132esimo Reggimento carri e la sua fidanzata.

«Quella sera qualcuno ha visto e io ora sono qui a supplicarlo: per favore, parli. Siamo stati più volte a Pordenone, nel piazzale del delitto e a quell’ora è impossibile che fosse deserto...», dice al Corriere della Sera la mamma. Teresa, ricordano i genitori, era una persona normalissima, con la testa sulle spalle: bocconiana, ballerina, innamorata del suo Trifone, matrimonio in vista. «E' sempre stata la prima della classe e anche dopo la laurea non ha avuto problemi a trovare lavoro. Nove mesi da manager alla Prenatal, poi all’Ina Assitalia... Sapeva quel che faceva, era felice e a noi tanto bastava».

Nessuna ombra su Trifone, un ragazzo d'oro dicono i genitori di Teresa: «Bravissimo ragazzo, tutto sport, gare, lavoro e Teresa. Un gigante buono. Non aveva vizi: non beveva, non fumava, non prendeva schifezze. Aveva fatto il modello, sì, un calendario. E allora? Cosa c’è di male? Mai vista Teresa così innamorata. Hanno trascorso un’intera estate insieme: due mesi a Monopoli dai suoi parenti, qualche settimana in Sicilia dai nostri. E quando sono tornati Teresa aveva deciso di trasferirsi da lui, a Pordenone»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il drammatico sospetto dei genitori è che sia stato uno scambio di persona: «Noi abbiamo pensato anche a un errore di persona, Trifone aveva un amico con una fidanzata biondina come lei...».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia l'incendio mentre il camion è sul viadotto, motrice invasa dalle fiamme

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Tenta di bloccare tunisino in fuga da Villa Sikania e viene aggredito: poliziotto finisce in ospedale

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Lunghe attese al pronto soccorso? Scoppia il tafferuglio, 4 feriti: pure 2 infermieri

  • Movida a rischio, altra rissa tra giovanissimi a San Leone: volano pugni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento