Omicidio Scopelliti, la Procura ricorre al Riesame: "Burgio in cella"

Il trentacinquenne è accusato di aver ucciso, a colpi di pistola, il cognato: Ignazio Scopelliti di 45 anni

Raimondo Burgio

La Procura torna a chiedere il carcere per Raimondo Burgio, 35 anni, di Palma di Montechiaro, e lo fa presentando un appello al tribunale del Riesame di Palermo. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. Burgio è accusato di aver ucciso, a colpi di pistola, il cognato: Ignazio Scopelliti di 45 anni. Il Pm Emiliana Busto, che si è occupata del fascicolo fin dal giorno dell'omicidio, ha chiesto al tribunale del Riesame l'applicazione della custodia cautelare in carcere per l'indagato che è invece ai domiciliari con il braccialetto elettronico.  

La difesa rinuncia al Riesame 

L'indagato - che ha confessato davanti al giudice per le indagini preliminari - è difeso e rappresentato dall'avvocato Santo Lucia. 

Ammazzato a colpi di pistola in pieno centro, muore 45enne 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Statale 189, l'auto finisce fuori strada e si ribalta: muore un ventiquattrenne

  • Perde il controllo dell'auto mentre torna a casa: muore 23enne dopo un incidente

  • Si taglia una gamba e muore dissanguato: tragedia a Palma di Montechiaro

  • Tragedia a San Leone: muore un turista svizzero di 35 anni

  • Incidente alla rotatoria Giunone: è morto un trentacinquenne

  • L'incidente che ha ucciso Angelo, Racalmuto è sotto choc: annullati tutti gli eventi del week end

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento