Omicidio Scopelliti, la Procura ricorre al Riesame: "Burgio in cella"

Il trentacinquenne è accusato di aver ucciso, a colpi di pistola, il cognato: Ignazio Scopelliti di 45 anni

Raimondo Burgio

La Procura torna a chiedere il carcere per Raimondo Burgio, 35 anni, di Palma di Montechiaro, e lo fa presentando un appello al tribunale del Riesame di Palermo. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. Burgio è accusato di aver ucciso, a colpi di pistola, il cognato: Ignazio Scopelliti di 45 anni. Il Pm Emiliana Busto, che si è occupata del fascicolo fin dal giorno dell'omicidio, ha chiesto al tribunale del Riesame l'applicazione della custodia cautelare in carcere per l'indagato che è invece ai domiciliari con il braccialetto elettronico.  

La difesa rinuncia al Riesame 

L'indagato - che ha confessato davanti al giudice per le indagini preliminari - è difeso e rappresentato dall'avvocato Santo Lucia. 

Ammazzato a colpi di pistola in pieno centro, muore 45enne 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Braccati dai carabinieri dopo la rapina alla banca Sant'Angelo: fermati 2 palermitani e un sabettese

  • Rapinata la banca Sant'Angelo: in due portano via 50 mila euro

  • Il colpo in banca da oltre 50mila euro, la banda dal gip: uno dei banditi aveva distintivo dei carabinieri

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Grande Fratello vip, l'empedoclina Clizia Incorvaia al centro del gossip

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento