L'Arma si stringe accanto alla Questura: depositati fiori per i caduti di Trieste

Il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Giovanni Pellegrino, ha reso omaggio ai due agenti rimasti uccisi ed ha espresso cordoglio e vicinanza al questore Rosa Maria Iraci

Uniti, sempre. Nelle "battaglie" quotidiane contro la criminalità e il malaffare, nei successi per affermare legalità, ma anche nel momento del dolore. Il comandante provinciale dei carabinieri, il colonnello Giovanni Pellegrino, assieme ad una nutrita rappresentanza di ufficiali e militari, ha reso omaggio agli agenti della Questura di Trieste rimasti uccisi nel tragico episodio di ieri. I carabinieri di Agrigento hanno deposto un mazzo di fiori sulla lapide che ricorda i caduti della polizia di Stato, all’ingresso della Questura. Alle parole di solidarietà, cordoglio e vicinanza del comandante provinciale dei carabinieri verso l’amministrazione della polizia di Stato - duramente colpita dalla tragedia - il questore Rosa Maria Iraci ha espresso ringraziamento e gratitudine della polizia per il nobile gesto manifestato dall’Arma.

Anche a Licata il comandante della compagnia dei carabinieri, il capitano Lucarelli, ha manifestato il cordoglio dell'Arma rendendo omaggio ai caduti di Trieste depositando in commissariato una corona di fiori.

Una storia che, purtroppo, si ripete: appena lo scorso 26 luglio erano stati i poliziotti - la Questura di Agrigento - a depositare una corona di fiori sotto la lapide di Guazzelli: all'interno della caserma "Biagio Pistone" che è la sede del comando provinciale dell'Arma. Così venne espressa - dai poliziotti - solidarietà, vicinanza e fraterno cordoglio per l'omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega avvenuto a Roma.  

L'omicidio a Roma del carabiniere, la polizia depone corona sotto la lapide di Guazzelli
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento