Omicidio Maccarone, "Gianni il bello" condannato all'ergastolo

La sentenza di primo grado arriva dalla Corte d'Assise di Trapani che ha ritenuto Melluso coinvolto nel delitto della giovane italo-elvetica

Gianni Melluso

Tona in carcere il saccense Gianni Melluso, condannato in primo grado all'ergastolo perché ritenuto mandante dell'omicidio della giovane italo-elvetica Sabine Maccarone. Lo riporta il Giornale di Sicilia. Melluso, 59 anni, noto anche come "Gianni il bello" e per essere stato uno dei principali accusatori del presentatore Enzo Tortora, aveva lasciato il carcere lo scorso luglio, dopo quatto anni scontati per sfruttamento della prostituzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma ieri è arrivata l'altra condanna inflitta dalla Corte d'Assise di Trapani per l'omicidio della ragazza, il cui cadavere "coperto con tegole e massi - si legge sul quotidiano - , fu trovato il 16 aprile 2007 dentro un pozzo artesiano accanto ad un'abitazione di campagna, in contrada San Nicola, a Mazara del Vallo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbaglia auto e forza la portiera: scoppia il caos nel parcheggio del supermercato

  • Dopo 24 giorni la magia s'è dissolta: il nuovo caso di Covid-19 a Campobello fa salire a 126 i contagiati

  • Bastonata, ceffone e pedata in pieno centro: indagine verso la svolta

  • Incidente a Broni: scontro frontale fra due auto, muore 29enne di Ravanusa

  • Tornano a casa e la trovano occupata: scoppia il caos a Villaseta

  • "Calci, pugni e coltellate a due immigrati": uno ridotto in fin di vita, arrestati 4 ragazzini

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento