Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuove regole della movida, lo sfogo di un imprenditore: "Noi danneggiati, restrizioni così neppure a Milano"

Il 30enne Alessio Balli è titolare di due principali attività agrigentine

 

La movida cambia ritmo adeguandosi alle nuove regole. Gli imprenditori del settore, che per tre mesi avevano chiuso le loro attività, hanno qualcosa da ridire. L’emergenza Covid 19 ha ridisegnato l’economia agrigentina: pochi profitti, tante giuste regole ed una nuova e lenta ripartenza.

Locali della movida chiusi alle 24, Picarella: "Porterà i commercianti verso il baratro"

Niente alcool dopo le 21 e movida “stoppata” alle 24. Le nuove limitazioni sono state decise durante il comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto di Agrigento Maria Rita Cocciufa. Sono tani gli imprenditori agrigentini che hanno voluto farsi sentire, tra questi anche il 30enne Alessio Balli. Il titolare di due importanti attività commerciali cittadine, si è sfogato sui social. A sostenere l’idea di Balli, anche dei colleghi ristoratori.

“Chi sbaglia paga - dice Alessio Balli - ma non dobbiamo essere noi commercianti a farlo. Abbiamo fatto di tutto per rispettare le regole. Questo provvedimento ci danneggia, siamo in una fase economica devastante. Molti locali non apriranno con una restrizione del genere”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento