Non hanno il wi-fi, scoppia la "rivolta" dei migranti

I minorenni hanno inveito e minacciato gli operatori della comunità d'accoglienza. Per riportare la calma sono dovuti intervenire i carabinieri e la polizia

Un gruppo di migranti

Non funziona il wi-fi e vanno in escandescenza, iniziando ad inveire ed a minacciare gli operatori della comunità d'accoglienza. Per calmare un gruppo di immigrati minorenni, ospiti della struttura di via Regione Siciliana ad Agrigento, sono dovute intervenire le pattuglie della polizia di Stato e dei carabinieri. E non è la prima volta che, in città, disservizi tecnologici del genere fanno scattare vere e proprie rappresaglie da parte dei migranti.

Polizia e carabinieri sono riusciti a riportare la calma. Il "caso" è stato segnalato all'ufficio Immigrazione della Questura affinché si valuti se è opportuno o meno trasferire in altre comunità d'accoglienza i migranti ritenuti più "agitati".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • La Questura ferma il Carnevale di Sciacca, la kermesse è stata definitivamente annullata

  • Emergenza Coronavirus, scatta la quarantena per tre persone

  • "C'è un sospetto caso di Coronavirus al pronto soccorso", l'allarme viaggia su Whatsapp: è una fake news

  • L'incidente mortale a San Leone, arrestato il 49enne che era alla guida dell'auto

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento