Niente demolizione per le case popolari, proclamate "due giornate di collera"

Il comitato cittadino: "Dal 20 luglio un 'popolo disperato e ingannato' armato di robuste e salutari 'verghe' avanzerà da largo Martiri di via Fani con due pullman verso le sedi istituzionali per esprimere immenso 'amore e gratitudine'"

Sono state proclamate "due giornate di collera". Lo ha fatto - scrivendo all'assessore regionale Marco Falcone e al prefetto di Agrigento: Dario Caputo - il comitato cittadino di cui è responsabile Angelo Renda. "L'onorevole Falcone era stato molto chiaro: giorno  8 luglio si provvederà alla  bonifica dei luoghi e immancabilmente dal 10 luglio si inizierà con la  demolizione delle 10 palazzine e la  ricostruzione dei 60 alloggi popolari. Ma questo non é avvenuto! Ecco perché - scrivono dal comitato cittadino - dal 20 luglio un 'popolo disperato e ingannato' ha indetto e programmato con decisione unanime le 'due (2) Giornate della collera'. Il popolo armato di robuste e salutari 'verghe' avanzerà da Largo Martiri di via Fani con due pullman verso le vostre sedi per esprimere immenso 'amore e gratitudine'!" - hanno concluso - .  

 
        

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, derubato un corriere: portati via pacchi e soldi

  • Il Giro d'Italia torna nell'Agrigentino, la "corsa rosa" fa tappa in Sicilia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento