"Nessuna comunicazione sulla presenza del tumore", risarcita una famiglia

Dopo il decesso dell'agrigentino, i familiari hanno citato in giudizio la struttura sanitaria. Il tribunale ha condannato a risarcimento danni di 135 mila euro

Il tribunale ha condannato una struttura sanitaria di Palermo al risarcimento danno

Una casa di cura di Palermo è stata condannata, dal giudice del tribunale del capoluogo siciliano Enrico Catanzaro, a pagare 135 mila euro di risarcimento danni ad una famiglia agrigentina. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. La vicenda risale a diversi anni fa quando un agrigentino è stato ricoverato nella struttura sanitaria per un intervento al cuore. Nessuno dei cardiochirurghi che, allora, operarono il paziente si sarebbe preoccupato di informare l'uomo o i suoi familiari del fatto che aveva un tumore. 

Dopo il decesso dell'agrigentino, la famiglia - con l'assistenza dei legali Giuseppe Zucchetto, Giuseppe Arnone e Luciano Schillaci - ha citato in giudizio la struttura sanitaria. Il tribunale ha emesso sentenza di condanna per "il danno di perdita di chance di sopravvivenza"

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Senza stipendio da 8 mesi, sit-in dei netturbini davanti la Prefettura

    • Cronaca

      "In tasca aveva 17 dosi di hashish", denunciato diciannovenne

    • Cronaca

      Skysport che gaffe, l'Akragas data per retrocessa in serie D

    • Cronaca

      L'agguato di Favara, proseguono le indagini: il fascicolo passa alla Dda

    I più letti della settimana

    • L'agguato di Favara, il ferito trovato in contrada Consolida: zoppicando cercava di raggiungere l'ospedale

    • Sparatoria fra due gruppi rivali a Favara, ferito un trentacinquenne

    • L'agguato di Favara, il ferito sottoposto allo "Stub" e sentito dai carabinieri

    • Gli studenti del liceo "Leonardo" ricordano la compagna scomparsa

    • Sedicenne morto in incidente stradale, l'amica in aula: "Pioveva e andavamo veloci"

    • La lunga scia di sangue che "lega" Favara, Porto Empedocle e Liegi

    Torna su
    AgrigentoNotizie è in caricamento