"Rapina e picchia gioielliera che reagisce mordendo": chiesta condanna a 5 anni e 4 mesi

La pena proposta dal pm Cecilia Baravelli nei confronti del quarantunenne Gianluca Cimino, è ridotta di un terzo

Cinque anni e quattro mesi di reclusione per Gianluca Cimino, 41 anni, canicattinese di origine e residente a Catania, arrestato il 5 settembre dell’anno scorso a Librino, frazione di Catania, alcuni giorni dopo una rapina, avvenuta il 28 agosto in una gioielleria di Naro. Sono stati chiesti dal pubblico ministero Cecilia Baravelli a conclusione della requisitoria. La pena proposta, peraltro, è ridotta di un terzo perché la difesa, affidata all’avvocato Calogero Meli, ha chiesto il giudizio abbreviato, quindi allo "stato degli atti" e con la riduzione di un terzo dell'eventuale condanna: il giudice Alessandra Vella emetterà la sentenza il 2 ottobre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, due uomini, travisati con parrucca da donna e occhiali da sole, avevano fatto irruzione all’interno del negozio. Attimi di terrore per la proprietaria che ha subito capito le intenzioni: i due balordi, dopo avere scavalcato il bancone, avrebbero percosso la donna prima di fuggire con una borsa e alcuni gioielli. Il bottino è stato quantificato in circa 2.000 euro. La gioielliera, comunque, prima che i banditi fuggissero, è riuscita a mordere sul braccio uno dei rapinatori e il particolare non è sfuggito ai carabinieri che erano già sulle sue tracce e alcuni giorni dopo, quando lo hanno rintracciato, si sono accorti del livido. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento