Guardia giurata nel mirino di due rapinatori, portati via 40 mila euro e una pistola

Dell'autovettura utilizzata per il colpo, così come dei suoi occupanti, non è saltata fuori - nonostante gli sforzi delle forze dell'ordine - alcuna traccia

Una rapina a mano armata (foto ARCHIVIO)

Guardia giurata rapinata mentre stava trasportando 40 mila euro. E' accaduto, nella tarda mattinata di ieri, lungo la strada provinciale che collega Naro con Canicattì. Due i malviventi - con il volto coperto ed armati di pistola - che sono entrati in azione.

I rapinatori sono riusciti, con un'autovettura, a tagliare la strada alla Fiat Seicento "portavalori" - è infatti con la piccola utilitaria che il denaro stava per essere trasferito da Naro verso Canicattì - . I criminali, dopo aver bloccato la marcia della Fiat Seicento, avrebbero puntato con una pistola la guardia giurata e si sono fatti consegnare, dopo averlo minacciato pesantemente, tutti i soldi che stava trasportando e perfino la pistola d'ordinanza che aveva al seguito.

Arraffata la "Beretta" ed il denaro, i due delinquenti sono fuggiti - verso Canicattì - con la Fiat Punto con la quale erano arrivati. Lanciato l'allarme, lungo la provinciale fra Naro e Canicattì, a circa un chilometro di distanza da Naro, si sono precipitati gli agenti del commissariato di Canicattì ed i carabinieri.

Ricostruito l'accaduto, sono iniziate le perlustrazioni e le ricerche della Fiat Punto. Ma dell'autovettura, così come dei suoi occupanti, non sarebbe saltata fuori - nonostante gli sforzi delle forze dell'ordine - alcuna traccia. Delle indagini sulla rapina a mano armata si sta occupando, a quanto pare, la polizia di Stato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento