"Musica ad alto volume e fuori orario", nei guai il gestore di un locale

L'esercente è stato fermato e controllato ad un posto di blocco: è risultato essere ubriaco ed è stato dunque denunciato alla Procura. Quale sanzione accessoria gli è stata ritirata la patente

(foto ARCHIVIO)

L’armistizio non tiene. Ancora una volta, nella notte fra sabato e ieri, i residenti delle vie Atenea e Pirandello hanno segnalato, tutti con la stessa voce, alla sala operativa dei carabinieri: “Musica a volume insopportabile" e "orari non rispettati". Movida sempre più complicata nel centro storico della città dei Templi dove una pattuglia dei militari dell’Arma, intervenendo, ha appurato che la musica era veramente ad alto volume e oltre all’orario consentito dall’ordinanza sindacale. Il titolare del locale del centro è stato dunque invitato a spegnere la musica. Cosa che ha effettivamente fatto. Due ore dopo – erano le 4,30 circa – lo stesso esercente è stato fermato e controllato ad un posto di blocco, sempre dei carabinieri, in piazza Stazione. L’uomo è risultato essere ubriaco. E’ stato dunque denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento e quale sanzione accessoria gli è stata ritirata la patente di guida.

Anche quest’ennesimo episodio dimostra come la "guerra fredda" - fra residenti e gestori dei locali serali - non subisca battute d'arresto. Si rinnova, anzi, in maniera ciclica: praticamente ogni fine settimana. E’ proprio dalla vie Atenea e Pirandello, nonché dal viale Della Vittoria, che sistematicamente partono le accorate, da parte dei residenti, richieste di intervento. Accorrono, come in quest’ultimo episodio, i carabinieri: i militari del nucleo operativo e radiomobile in particolar modo. Ma lo fanno anche le pattuglie della polizia di Stato: quelle della sezione “Volanti”. Forze dell’ordine che non possono far altro che verificare se effettivamente, o meno, vi sia “disturbo della quiete pubblica”.

I residenti delle zone vicine ai locali serali continuano a ripetere: "L'ordinanza non viene rispettata". All’orizzonte – complice anche le imminenti festività natalizie e di fine anno - si intravedono dunque nuovi fine settimana di “fuoco”.

Potrebbe interessarti

  • Come proteggersi dalle zecche

  • Come pulire il box doccia

  • Come eliminare la puzza di sigarette dai nostri ambienti domestici

  • Il miele e le sue proprietà e benefici per la salute

I più letti della settimana

  • L'incidente di Caltabellotta si trasforma in tragedia: è morto il 22enne di Lucca Sicula

  • L'esplosione del mercato di Gela, c'è una vittima: si aggrava la posizione del commerciante di Grotte

  • Si ribalta il trattore e un uomo resta incastrato: il 60enne non è in pericolo di vita

  • Scontro fra auto in galleria nella statale 115: feriti i due conducenti

  • "Adesca ragazzina e tenta di avere un rapporto orale", la scatola nera dell'auto per smentire la vittima

  • Bimbo di 12 anni rischia di annegare, tre bagnini lo portano in salvo

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento