Muore impiegato di banca a Lampedusa, aperta un'inchiesta: indagati due medici

La vittima aveva 63anni. A perdere la vita il licatese, Mario Pira

L'ospedale di Licata, luogo dove è stata svolta l'autopsia

Un dipendente Unicredit è stato trovato morto a Lampedusa. Il bancario licatese, Mario Pira, aveva 63 anni. L’uomo, secondo quanto fatto sapere da La Sicilia, sarebbe stato trovato senza vita in un albergo dell’isola. La Procura della Repubblica di Agrigento indaga sulle cause della morte dell’uomo.

Il corpo è stato rivenuto il 31 gennaio scorso. Un collega di lavoro non vedendolo più arrivare si è preoccupato, aperto la porta della camera la macabra scoperta. Pira era riverso sul pavimento. Sul comodino dell’uomo vi erano dei documenti medici relativi ad una visita che l’uomo aveva fatto poco prima di morire. Pare si trattasse di accertamenti di natura cardiologica fatti nel poliambulatorio dell’isola. 

Sul posto si sono precipitati i carabinieri. Il pubblico ministero, Gianluca Caputo, ha iscritto sul registro degli indagati due medici in servizio a Lampedusa, ovvero le persone che hanno visitato Pira per l’ultima volta. Intanto, ieri, è stato eseguito l’esame autoptico. Appena terminata l’autopsia la salma sarà restituita alla famiglia. La procura procederà con la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Intascava i soldi delle carte di identità elettroniche", arrestato impiegato comunale

  • Vede l'auto in fiamme, si precipita in strada e viene accoltellato: un arresto

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • L'incidente di Canicattì, le ferite erano così gravi da uccidere la 35enne?

  • Anziano si fa masturbare in strada: nuovo caso di atti osceni in luogo pubblico

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento