Musica ad alto volume fino alle 3 di notte, i residenti pronti all'esposto

Più volte, in via Imera, sono dovute intervenire le pattuglie della sezione "Volanti" che, alla fine, sono riuscite a fare abbassare il volume

Hanno dovuto fare avanti e indietro dalla via Imera. Soltanto alle tre di notte, quella fra domenica e ieri, i poliziotti della sezione “Volanti” della Questura di Agrigento sono riusciti a far abbassare la musica, tenuta ad alto volume, da un locale. Non è la prima volta che accade, né forse sarà l’ultima. Di fatto, però, i residenti della via Imera sono letteralmente esasperati e nella notte fra domenica e ieri hanno tempestato di richieste di “aiuto” e di intervento il 113 della polizia di Stato. Tutti, con un’unica voce, hanno parlato di “disturbo della quiete pubblica”.

Non è stato reso noto se siano state accertate o meno, dai poliziotti della sezione “Volanti”, delle irregolarità. Sembra scontato, come sempre avviene in casi di questo genere, che la relazione degli agenti della sezione “Volanti” finirà sul tavolo dei colleghi della “Pasi” della Questura. Anche ieri mattina, in via Imera, non si parlava d’altro e pare che un nutrito gruppo di residenti avesse avviato la sottoscrizione di un esposto.

Potrebbe interessarti

  • Il peperoncino: pro e contro

  • Metodi low cost e home made per pulire i tappeti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • "Massacrata a pedate dallo zio", ragazza in gravi condizioni: arrestato 46enne

  • Scopre il tradimento del marito e per strada scoppia il parapiglia

  • "Un fucile a canne mozze in camera da letto", arrestato un insospettabile 25enne

  • Le dichiarazioni del pentito Quaranta: "Ecco il consiglio provinciale di Cosa Nostra"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Vertici e affiliati di Cosa Nostra", 9 ordinanze di custodia cautelare: ai domiciliari l'ex consigliere comunale

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento