"Morta per colpa di una buca sulla strada", parte processo di appello per due funzionari

In primo grado sono stati condannati a un anno di reclusione il dirigente dell'Ufficio tecnico Giuseppe Principato e il responsabile del servizio di viabilità Gaspare Triassi

Il 29 ottobre davanti alla Corte di appello: riparte il processo per la morte della ventiquattrenne Chiara La Mendola, avvenuta a causa di un incidente, il 30 dicembre del 2013 al viale Cavaleri Magazzeni. La tragedia che ha scosso la città sarebbe avvenuta – secondo quanto ha accertato il processo di primo grado – a causa di una buca. Il giudice Giuseppe Miceli, il 12 luglio dell’anno scorso, ha condannato a un anno di reclusione per omicidio colposo il dirigente dell’Ufficio tecnico del Comune di Agrigento Giuseppe Principato e il responsabile del servizio di viabilità Gaspare Triassi.

I difensori (gli avvocati Maria Antonella Cimino, Antonino Manto e Giuseppe Scozzari) hanno appellato il verdetto che adesso sarà sottoposto al vaglio della Corte di appello. La ragazza, secondo quanto ha accertato il processo, avrebbe perso il controllo del suo scooter Scarabeo per colpa della buca finendo sotto le ruote di un’auto che proveniva dalla direzione opposta. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento