Sequestro parcheggio Bovo Marina, i fratelli Manzone: "Proprietà legittima e correttezza nell'operato"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

E' ancora lontana la conclusione della vicenda che riguarda il sequestro del terreno adibito a parcheggio nella località di Bovo Marina di Montallegro. I fratelli Manzone, proprietari del terreno fin dagli inizi del secolo scorso, hanno dovuto subire un nuovo sequestro. Dopo l'annullamento del sequestro da parte del Tribunale del Riesame sezione II, in seguito al ricorso per Cassazione da parte della Procura, la Cassazione pur confermando le argomentazioni  del Giudice del Riesame in merito all'assenza del reato, procedeva all'annullamento dell'ordinanza, per una norma che riporta la questione sul piano civile, che nulla ha a che vedere con l'aspetto penale della vicenda. Sulla scorta di tale sentenza la prima sezione del Riesame del Tribunale di Agrigento confermava il sequestro precedentemente disposto. Ancora una volta, pertanto, i fratelli Manzone sono stati costretti a rivolgersi alla Suprema Corte di Cassazione alla quale hanno presentato ricorso per l'annullamento della nuova ordinanza e del conseguente sequestro. In tutto ciò, I fratelli Manzone confermano la loro fiducia nella Giustizia e sono sicuri che alla fine la vicenda verrà chiarita, con il riconoscimento della legittimità della loro proprietà e soprattutto della correttezza del loro operato.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento