"Modello di integrazione", Mareme Cisse riceverà la "menzione speciale"

Oltre alla chef di "Ginger people & food", il sindaco ha disposto un'onorificenza anche per monsignor Enrico Dal Covolo

"Agrigentina d'adozione, è modello di integrazione in una terra da sempre crocevia di culture e popoli, nonché di impegno sociale finalizzato all'integrazione e all'inserimento lavorativo di donne e ragazzi stranieri con fragilità".

E' questo uno dei passaggi delle motivazioni con cui il sindaco di Agrigento Lillo Firetto ha ritenuto di destinare il riconoscimento della "Menzione speciale" a Mareme Cisse.

La donna, molto conosciuta in città, è dal 2014 chef del ristorante "Ginger People&Food" e ha più volte ricevuto riconoscimenti professionali di altisismo profilo: è stata già nominata "alfiere del territorio" dal premio Bezzo nel 2018 e con la bandiera del suo paese, il Senegal, si è aggiudicata a San Vito Lo Capo, la scorsa estate, il titolo di campionessa mondiale di couscous.

"Partendo dall'armoniosa fusione tra sapori siciliani e quelli della sua terra d'origine - prosegue la determinazione sindacale - ha realizzato un progetto di inserimento sociale, di reale condivisione, di inclusione, capace di unire le due sponde del Mare Nostrum, contribuendo a fare di Agrigento luogo in cui l'integrazione itnerculturale e la cooperazione diventano splendida realtà".

Altra menzione speciale è stata predisposta dal sindaco per monsignor Enrico Dal Covolo, "considerata la la collaborazione trentennale con l'Accademia di studi mediterranei di Agrigento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento