Una stretta contro la "movida selvaggia": coltello a serramanico e guida senza patente, fioccano le denunce

I carabinieri hanno setacciato il centro cittadino. I militari dell'Arma hanno anche "fatto visita" ai principali locali notturni del centro cittadino

Maxi controllo del territorio da parte dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento. I militari dell'Arma hanno setacciato i luoghi della movida agrigentina. I carabinieri hanno agito nel corso del lungo ponte a cavallo delle festività dei Santi, ed hanno effettuato dei controlli a tappeto nel pieno centro cittadino. 

Da via Atenea a via Pirandello ed anche tutte le viuzze sottostanti, zone prese d'assalto da migliaia di giovani. Nel dettaglio, i carabinieri, hanno beccato un 32enne di Agrigento trovato alla guida della sua auto privo di patente, perché revocata. La vettura è stata subito posta sotto sequestro. Nell'ambito di specifici controlli, i carabinieri, hanno fermato un 28enne di Porto Empedocle, in "trasferta" ad Agrigento. L'uomo era in possesso di un pericoloso coltello a serramanico di ben 20 centimetri, subito sequestrato, sapientemente nascosto tra i sedili della sua autovettura. In entrambi i casi, è scattata la immediata denuncia alla Procura della Repubblica. Inoltre, i militari dell'Arma, hanno "fatto visita" ai locali della movida. 

L’attenzione dei militari della Compagnia di Agrigento si è infatti principalmente concentrata sulle modalità di svolgimento delle serate di due dei principali locali del centro città. I carabinieri si sono infatti appostati nei pressi ed hanno constatato che un gruppo musicale stava suonando, intrattenendo un folto gruppo di giovani. Andando ad approfondire l’analisi della documentazione in possesso dei gestori, i carabinieri, infatti, hanno accertato che le due attività erano prive delle necessarie autorizzazioni. Per questo motivo, poco dopo la mezzanotte, i militari hanno intimato di interrompere l’attività di intrattenimento. Il tutto è stato segnalato alle autorità competenti per i provvedimenti conseguenti.

Decine di carabinieri a bordo di gazzelle hanno controllato un centinaio di giovani, sia a bordo di veicoli, mentre si avvicinavano al centro, sia a piedi tra i vicoli. I risultati non si sono fatti attendere.

"L’operazione - fanno sapere i carabinieri - è una prima importante risposta alla richiesta di attenzione fatta recentemente da alcuni residenti, al fine di regolare maggiormente l’attività di alcuni locali di intrattenimento e di esercitare un maggiore controllo nei confronti dei numerosi giovani che sono soliti intrattenersi nei loro pressi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato con la febbre a 40 e sospetti sintomi di Covid-19, attesa per il tampone

  • La curva epidemiologica continua a salire: c'è un caso in più di Coronavirus a Favara, confermato l'esito test a 92enne

  • Esce di casa per fare la spesa anziché restare in isolamento: denunciata 48enne rientrata dal Nord

  • Anziano muore in casa propria, aveva febbre alta e tosse: sospetto Covid-19? Avviate le verifiche

  • "Quanto dolore, passa un'ambulanza ogni sei minuti e tanti amici hanno il Covid-19": l'agrigentina Giusy in "trincea" a Bergamo

  • Morì nella sua abitazione, il tampone Covid-19 è risultato "positivo"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento