Fondi Pac, Ciapi e Prometeo, Lo Bello: "Ecco come stanno le cose"

L'assessore regionale all'Istruzione e alla Formazione interviene "nel fermo convincimento che la tutela dei lavoratori e della loro serenità rappresenta una assoluta priorità di questo Governo"

Mariella Lo Bello

"Ai detrattori e alle cassandre sono costretta a dare brutte notizie". Così afferma l'assessore regionale all'Istruzione e formazione, Mariella Lo Bello, in ordine a fondi "Pac", "Ciapi", "Prometeo" e terza annualità dell'"Avviso 20". "Il modello Sicilia – chiarisce l’assessore - è stato preso ad esempio da Roma, per avere attinto dal fondo sociale europeo per ciò che è relativo agli ammortizzatori sociali. I fondi Pac non sono stati 'confiscati', anzi sugli stessi abbiamo posto un diktat: non si toccano".

"Sul Ciapi e Prometeo – dice ancora Mariella Lo Bello - il progetto procede senza soste e stiamo adottando tutti i provvedimenti necessari per ottemperare alla pronuncia del Cga, in attesa del proseguimento del giudizio di merito, innanzi al Tar. Sulla terza annualità dell'Avviso 20 c'è un tavolo aperto che sta lavorando quotidianamente all'accelerazione delle procedure per la conclusione dell'accordo, la cui bozza è peraltro già al vaglio dell'Assessorato. Medesima è la situazione sui tirocini formativi sui quali c'è il massimo impegno e che partiranno oramai a breve".

L’assessore regionale ha divulgato i dati "nel fermo convincimento che la tutela dei lavoratori e della loro serenità rappresenta una assoluta priorità di questo Governo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Notte di fuoco fra Palma e Licata: distrutte le auto di insegnante e agricoltore

  • Cliente preleva allo sportello e si accorge dell'incendio in banca: chiusa piazza per ore

  • Il mondo di un agrigentino a Budapest, Gero Miccichè: "Io e la Disney, una grande emozione"

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento