Mandorlo in fiore, la Georgia alza al cielo il Tempio d'oro: seguono Argentina e Armenia

I georgiani hanno totalizzato in tutto 634 voti, con una percentuale del 26, 5

I vincitori del Tempio d'oro

Migliaia e migliaia coloro che hanno assistito allo spettacolo conclusivo della 73esima edizione del Mandolo in fiore. Grandi e piccoli hanno applaudito le nuove coreografie dei gruppi folk internazionali che hanno preso parte alla kermesse.

Il gran finale del Mandorlo, migliaia di agrigentini applaudono i gruppi folk

Con la nuova formula del voto popolare, vince il Tempio d’Oro la Georgia. I neo vincitori della 73esima edizione del Mandorlo in fiore, hanno messo in fila 634 voti, ed hanno vinto con il 26, 5 per cento.

IL VIDEO. Parello e Firetto: "La kermesse deve diventare un traino per il Paese"

Il video - Migliaia di agrigentini in giro per la città

Al secondo posto l’Argentina che ha conquistato 617 voti, con una percentuale del 25, 34. Terzo posto per l’Armenia, che conquista il podio con 557 voti. Non solo tempio d’oro ma anche: Premio speciale consorzio universitario, alla Georgia. Premio Assostampa l’Argentina. Vince il premio Giugiù Gallo: le Torri umane. Premio speciale Gigi Casesa alla Croazia.

Sul palco: il sindaco di Agrigento Calogero Firetto, il direttore del Parco Giuseppe Parello, il commissario del Consiglio del Parco Carmelina Volpe, il segretario provinciale Assostampa Gero Tedesco, ma anche i vertici istituzionali di polizia, carabinieri e Guardia di finanza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caso di meningite in un supermercato? Una "bufala" che sta terrorizzando

  • "Non so dove trovare i soldi presi ai clienti": 40enne minaccia il suicidio, salvato in extremis

  • "Cosa nostra" in Canada, il nuovo padrino è Leonardo Rizzuto

  • Dimentica gli occhiali che spariscono in un lampo: interviene la polizia

  • Sorpresa in un'osteria di Realmonte, arriva Giancarlo Giannini

  • "Proteggere i resti del tempio di Zeus alla base del porto", l'allarme corre sui social

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento