Carenza di sangue nelle Asp, lotta contro il tempo per salvare un neonato di 6 mesi

Il piccolo agrigentino è affidato ai chirurghi dell'ospedale di Taormina per un intervento a cuore aperto. Ma si è temuto il peggio perché non si trovava plasma di gruppo "B"

Una lotta contro il tempo per salvare la vita ad un neonato di sei mesi che in queste ore è stato operato al cuore.

Il piccolo è  giunto al centro di cardiochirurgia pediatrica dell’ospedale di Taormina, dalla provincia di Agrigento, per essere sottoposto a un delicato intervento chirurgico al cuore a causa di un difetto interventricolare. L’intervento già programmato non poteva essere effettuato in piena sicurezza per la mancanza di sacche di sangue dello stesso gruppo del neonato, il B negativo.

L’Ospedale di Taormina a seguito dei protocolli regionali viene approvvigionato di sangue dalla provincia di Siracusa, che in questo momento soffre anch’essa di carenza di sacche dello stesso gruppo.

Appresa la grave criticità è stato il direttore generale Paolo La Paglia  a chiamare personalmente il primario del Centro Trasfusionale di Patti, Gaetano Crisà che è subito attivato e ha reperito le sacche di sangue all’Ospedale di Sant’Agata di Militello.

Un’auto è appositamente partita da Messina per prendere il sangue e portarlo a Taormina, dove è arrivato nell’arco di due ore nel tardo pomeriggio di ieri. Stamattina, mercoledi 17 luglio,  il neonato è affidato all’equipe cardiochirurgica del dottore Agati, con la preziosa collaborazione del primario della cardiologia pediatrica De Zorzi di Taormina.

(MessinaToday)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento