"Fece sparire milioni di euro dalle sue imprese", condannato imprenditore in odore di mafia

Quattro anni e sei mesi di reclusione sono stati inflitti a Calogero Romano, 63 anni; 2 anni al figlio Leandro

Calogero Romano

Secondo i giudici fece sparire capitali, mezzi e risorse dalle sue imprese con operazioni simulate e distribuzioni di utili indebite: l’obiettivo era far finire tutto in altre aziende del suo stesso gruppo con la sola finalità di sottrarsi ai debiti in vista del fallimento. I giudici della seconda sezione penale, presieduta da Giuseppe Miceli, hanno condannato a 4 anni e 6 mesi di reclusione l'imprenditore di Racalmuto, Calogero Romano, 63 anni, accusato di bancarotta fraudolenta insieme al figlio Leandro al quale sono stati inflitti due anni di reclusione.

Bancarotta, chiesta condanna a 8 anni

Il pubblico ministero Cecilia Baravelli, all’udienza precedente, aveva chiesto 8 anni di reclusione per il padre e 3 anni e 9 mesi per il figlio. Due le imprese al centro delle presunte distrazioni per almeno due milioni di euro: la Mediterranea Cavi e la Ierre nelle quali entrambi sono stati amministratori di fatto e di diritto. 

Il pm Baravelli, peraltro, aveva chiesto anche la trasmissione degli atti al proprio ufficio perché Calogero Romano, sul quale pende un processo in appello per concorso esterno in associazione mafiosa (in primo grado, condanna a 6 anni e mezzo), avrebbe prodotto agli atti una foto con un'intestazione falsificata mostrandola a un teste proprio nell'ultima udienza prima della chiusura del dibattimento.

Dopo la requisitoria, i difensori, gli avvocati Pierluigi Cappello e Raffaele Palermo, avevano invece chiesto l'assoluzione sostenendo che "tutte le operazioni sono state compiute in assenza di dolo e che la ricostruzione delle operazioni al centro del processo presenta evidenti lacune". 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moto ape contro camion sulla statale 115, muore ottantottenne

  • "Temevo di essere ucciso ma ho detto no al rientro in Cosa Nostra", Quaranta si racconta a Rebibbia

  • Matrimonio show per un'empedoclina: in chiesa sopra un carretto siciliano

  • "Occupazione abusiva di suolo pubblico", guai per una pizzeria della città

  • "Tangenti per chiudere un occhio sulla contabilità", fra gli arrestati c'è un imprenditore favarese

  • "Restituite stipendio e Tfr o vi licenzio", direttore supermercato condannato a 5 anni

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento