"Non è più socialmente pericoloso", revocata la libertà vigilata a mafioso ottantenne

Via libera dal magistrato di sorveglianza, Antonino Pirrera torna libero dopo la condanna nell'operazione "Maginot"

Antonino Pirrera

“Considerata l’età avanzata e la condotta complessiva, si può ritenere cessata la pericolosità sociale”. Con queste motivazioni il magistrato di sorveglianza Walter Carlisi ha revocato la misura di sicurezza della libertà vigilata nei confronti del favarese Antonino Pirrera, 77 anni, condannato a 8 anni e 8 mesi di reclusione per associazione mafiosa ed estorsione aggravata nell’ambito dell’operazione “Maginot”.

Pirrera, difeso dagli avvocati Giovanni Castronovo e Chiara Proietto, che aveva già ottenuto di scontare l’ultimo anno della pena in regime di detenzione domiciliare, per ragioni di salute, era stato arrestato il 14 luglio del 2011 nell’ambito della prima inchiesta successiva alla cattura del campobellese Giuseppe Falsone, numero due di Cosa Nostra siciliana fino all’arresto, scattato il 25 giugno del 2010. 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

  • I documenti obbligatori da tenere in auto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento