Montevago, bando per l'assegnazione dei beni confiscati alla mafia

Il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo: “E’ un importante passo avanti che stiamo facendo sul fronte del riutilizzo ai fini sociali e occupazionali"

Su proposta del sindaco Margherita La Rocca Ruvolo, la giunta di Montevago ha deliberato il bando pubblico per l’assegnazione in concessione d’uso a titolo gratuito dei beni immobili confiscati alla mafia e trasferiti al patrimonio del Comune. Si tratta di tre terreni agricoli con fabbricato rurale in contrada Piana e di altri due appezzamenti che si trovano nelle contrade Pennino e Carbonaro. La gara è bandita per tutti i beni come unico lotto.

Possono presentare istanza di partecipazione al bando le comunità, anche giovanili, gli enti, le associazioni maggiormente rappresentative degli enti locali, le organizzazioni di volontariato, le cooperative sociali o le comunità terapeutiche e centri di recupero e cura di tossicodipendenti, altre tipologie di cooperative purché a mutualità prevalente e gli operatori dell’agricoltura sociale. Per tutte le altre informazioni è possibile consultare il bando che sarà pubblicato nell’albo pretorio online del sito istituzionale www.comune.montevago.ag.it.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“E’ un importante passo avanti – dichiara il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo - che stiamo facendo sul fronte del riutilizzo ai fini sociali e occupazionali dei beni confiscati alla criminalità organizzata che rappresentano uno strumento utile per lo sviluppo e il riscatto del territorio. L’auspicio è che chi ha i requisiti possa partecipare al bando per ridare vita a questi terreni, promuovere attività sociali e creare opportunità di lavoro per i giovani. Ritengo che la restituzione alla comunità di beni sottratti a circuiti illeciti sia fondamentale anche per l’alto valore simbolico che rappresenta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oltre 750 migranti sbarcati in 48 ore a Lampedusa, Musumeci: "Serve lo stato di emergenza"

  • Si erano perse le tracce da una settimana, la favarese Vanessa Licata è stata ritrovata

  • Muore stroncato da un infarto, vano l'arrivo dell'elisoccorso

  • Scazzottata all'ex eliporto: due giovani finiscono in ospedale, denunciati

  • Gli cade il telefonino, torna indietro e non lo ritrova più: avviate indagini

  • La statua di Camilleri diventa un "giallo": polemiche su donatori e progetto

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento