"Militarmente debole e incapace di esprimere un leader": ecco il ritratto dell'attuale Cosa Nostra

Oltre alla relazione del primo semestre del 2018, la Dia ha analizzato il momento attuale. Il vice questore Cilona: "Gli adepti ci sono e sono numerosi per la fame di lavoro"

Il vice questore Roberto Cilona

Non è mai stata così debole. Oggi - e non soltanto nel primo semestre del 2018, arco temporale sul quale si è basata la relazione consegnata dalla Dia al ministero dell'Interno, - Cosa Nostra Agrigentina è militarmente debole. Ci sono gli adepti e sono anche numerosi perché la "fame" di lavoro rende vulnerabile e dunque penetrabile il territorio - da parte della criminalità organizzata -, ma Agrigento e la sua provincia non sono capaci di esprimere una leadership.

IL VIDEO. Faida sull'asse Favara-Liegi, Cilona: "La criminalità organizzata si proietta su ambiti europei"

Ancorata alle regole ma capace di fare affari con la Stidda, Cosa Nostra Agrigentina è un pilastro regionale 

"Attualmente emerge una Cosa Nostra mai stata così debole - ha confermato il vice questore Roberto Cilona, capo della Dia di Agrigento, - . Ma nell'ambito militare. E non è in grado di esprimere un leader".

Racket, droga e investimenti nelle strutture ricettive: ecco il business di Cosa Nostra 

Una volta, nell'Agrigentino, c'era, infatti, una commissione provinciale di Cosa Nostra. Una commissione che faceva anche riunioni per decidere e pianificare come muoversi. Oggi, invece, secondo quanto risulta alla Direzione investigativa antimafia, sono state abbattute tutte le regole di tenuta del sistema, mafioso naturalmente. "Questo indica che c'è una debolezza" - rimarca il vice questore Roberto Cilona - . 

La minaccia era e resta, però, severa e il territorio - l'Agrigentino - continua ad essere più vulnerabile che mai. La provincia è penetrabile per l'insidiosa mancanza di lavoro. E proprio questo crea le basi, l'humus per un proselitismo.

Non cambia pelle: punta sul Belgio per droga e armi e tollera i criminali stranieri 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Neonato muore dopo 2 giorni dalla nascita, Procura apre un'inchiesta

  • Le rubano i documenti e non riesce a partire, l’appello di una madre: "Mia figlia è bloccata a Valencia"

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • Beve detersivo e finisce in ospedale: trasferito a Catania, 73enne lotta fra la vita e la morte

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento