Mafioso ripreso mentre incendiava il bar, no definitivo all'arresto

La Cassazione rigetta la richiesta della Procura che chiedeva l'applicazione di una misura cautelare per Ignazio Sicilia, 43 anni, condannato nell'operazione "San Calogero"

No definitivo dalla Cassazione alla custodia cautelare in carcere per il favarese Ignazio Sicilia, 43 anni, già coinvolto in passato nell’operazione antimafia San Calogero e arrestato il 12 novembre dopo essere stato ripreso mentre incendiava gli arredi esterni del ristorante “Maccicuni”, nella centralissima piazza Cavour, a Favara.

I giudici della prima sezione della Suprema Corte hanno rigettato il ricorso del pubblico ministero Antonella Pandolfi che chiedeva il nuovo arresto. Il provvedimento cautelare a carico di Sicilia, difeso dall’avvocato Giuseppe Barba, non era stato convalidato dal giudice monocratico del tribunale di Agrigento, Alessandro Quattrocchi, poiché il titolo di reato contestato – ovvero violazione degli obblighi della sorveglianza speciale – “contemplava una prescrizione generica rispetto al titolo di reato, danneggiamento aggravato a seguito di incendio, non contestato dal pm nella richiesta di convalida”. 

Potrebbe interessarti

  • Come trasformare la propria abitazione in un B&B

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • La ricetta dei panini di San Calò

  • Come organizzare la grigliata perfetta. Ecco cosa serve per una serata attorno alla brace

I più letti della settimana

  • Andrea Camilleri è morto, si spegne l'ultimo grande della letteratura: lutto cittadino nel giorno dei funerali

  • "Mi ha tradito con Scamarcio", l'empedoclina Clizia: "E' una gogna mediatica"

  • Un milanese a Lampedusa, Fabio Gallarati: "Ho lasciato tutto ed ho scelto l'isola"

  • "Una collega mi disse che ero stata puntata, così iniziò il mio incubo": donna accusa direttore di stalking

  • Forza posto di blocco, auto inseguita e fermata: è mistero sui motivi della fuga

  • Si contendono la location: scoppia una maxi lite fra i "paninari" di San Leone

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento